Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:50 METEO:AREZZO21°37°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 22 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
L’esplosione in una fabbrica di Taiwan provoca un'enorme palla di fuoco
L’esplosione in una fabbrica di Taiwan provoca un'enorme palla di fuoco

Attualità martedì 31 gennaio 2017 ore 14:00

Al Giotto nasce il Punto famiglia

Uno sportello per ascoltare le criticità delle famiglie e per fornire loro un solido supporto. Il servizio è stato attivato dalle Acli



AREZZO — Uno sportello per ascoltare le criticità delle famiglie e per fornire loro un solido supporto. 

Le Acli di Arezzo hanno ufficialmente attivato presso la chiesa del Sacro Cuore di piazza Giotto il nuovo servizio del Punto Famiglia che, integrato con la Caritas e in collaborazione con il parroco don Giovanni Ferrari, opererà per accogliere le persone che vivono situazioni di difficoltà economica, relazionale o culturale. Una rete di volontari sarà disponibile tutti i giovedì nei locali della parrocchia, dalle 16.30 alle 18.00, per porre le proprie competenze umane e professionali in sostegno ai più disparati bisogni familiari, con l'obiettivo di fornire un'assistenza sociale e di indicare le possibili strade da percorrere in un momento di difficoltà. 

Il Punto Famiglia potrà contare sul supporto dei vari uffici delle Acli (Patronato, Caf e Federazione Anziani e Pensionati), e sarà strettamente collegato anche ad avvocati specializzati in mediazione familiare, a psicologi e a consulenti familiari, sopratutto in riferimento ai problemi relazionali tra coniugi o tra genitori e figli. A questi professionisti ci si potrà rivolgere solo tramite appuntamento fissato dagli stessi volontari. 

«La famiglia è una grande risorsa - commenta Luigi Spallacci, responsabile e operatore del Punto Famiglia - è la struttura portante della società, è centro di legami affettivi fondamentali per la crescita umana e spirituale dei suoi membri, ed è una cellula insostituibile per i suoi profondi legami di amore e di solidarietà. Le famiglie non possono essere lasciate sole nello svolgimento dei loro grandi e difficili compiti umani e sociali, dunque abbiamo accolto la richiesta della comunità parrocchiale del Giotto e abbiamo accettato con gioia la proposta di dare vita a questo sportello».

Saranno tre, prevalentemente, le criticità a cui il Punto Famiglia fornirà accoglienza e sostegno. Le prime sono quelle economiche e legate alla mancanza del lavoro o al lavoro precario a basso reddito, percepite soprattutto dai giovani; le seconde sono relazionali e provocate dalle trasformazioni delle relazioni interpersonali tra uomo e donna, tra genitori e figli, tra anziani e giovani; le terze sono culturali e riguardano le difficoltà del dialogo tra generazioni. «In presenza di queste ed altre difficoltà - aggiunge Spallacci, - la famiglia si trova sola e spesso disorientata sulle scelte da compiere e sulle soluzioni da dare ai problemi, dunque il nostro obiettivo è di fornire ascolto, informazioni e orientamenti».


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno