Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:39 METEO:AREZZO19°37°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 16 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Trump e quel «Combattete!»: il momento che cambia la campagna elettorale per tutti
Trump e quel «Combattete!»: il momento che cambia la campagna elettorale per tutti

Attualità venerdì 30 dicembre 2016 ore 17:30

"Altro che risparmio, ecco tutti i rialzi"

Il Comitato acqua pubblica, insieme ad Acli, Mcl e associazione Famiglie numerose, risponde punto per punto a Nuove Acque



AREZZO — Il Comitato Acqua Pubblica ha lanciato una campagna volta alla trasparenza e alla chiarezza sulla gestione del servizio idrico aretino. 

"Lo scorso 20 dicembre, l'amministrazione comunale e Nuove Acque hanno tenuto una conferenza stampa per presentare le novità in vista del 2017 dove hanno illustrato riduzioni nelle tariffe delle bollette e agevolazioni per i nuclei familiari numerosi o in difficoltà economiche, con dati che ad un'attenta analisi appaiono parziali e fuorvianti" dichiara il Comitato Acqua Pubblica che, in collaborazione con Acli, Mcl e Associazione Famiglie Numerose, ha confutato le singole dichiarazioni spiegandole dal punto di vista dei consumatori.

La prima puntualizzazione riguarda la promessa della diminuzione delle tariffe a carico dei cittadini che, al contrario, da un'analisi del Comitato Acqua Pubblica dovrebbero subire un aumento medio per le varie categorie di utenza pari al 5%, dieci volte più del valore dell'inflazione. Le uniche fasce che dovrebbero subire riduzioni sono le famiglie medie con un consumo tra 110 e 150 metri cubi (che il comitato ha calcolato ottenere cali tra il -0,40% e il -2,20%), mentre per i piccoli consumi dovrebbe registrarsi anche un +16% e per le famiglie numerose si potrebbe toccare il +14%. 

Nel triennio 2017 - 2019, invece, il rialzo medio è calcolato dal Comitato Acqua Pubblica in un +16%. «La riduzione tanto sbandierata - commenta il presidente Gianfranco Morini - è limitata ad una categoria d'utenti molto ristretta, dunque si tratta di un dato incompleto. Nel pubblicizzare il dimezzamento della quota fissa è stato omesso che si tratta di una misura che era già stata attuata dallo scorso gennaio insieme ad una modifica dell'articolazione tariffaria che ha prodotto aumenti a carico dei cittadini».

Tra gli annunci di Nuove Acque rientra la costituzione di un fondo per i nuclei familiari con più di quattro figli in aggiunta alle agevolazioni già previste per gli utenti con Isee inferiore a 8.030 euro. Il Comitato Acqua Pubblica ha però chiarito come queste utenze "deboli", a partire dal 2017, non avranno più il dimezzamento automatico delle tariffe di cui finora godevano, ma riceveranno un abbuono di circa 20 euro in bolletta.

In tema di distacchi, invece, è stato affermato che le utenze morose non avranno uno stop assoluto ma godranno di flussi d'acqua minori gestiti da un regolatore: questo passaggio non rappresenta altro che l'applicazione di quanto previsto dal regolamento attualmente vigente. «Le famiglie numerose - aggiunge Morini - si vedranno restituire una cifra irrisoria, dunque alla fine pagheranno di più. Riteniamo che dovrebbe essere introdotto un sistema tariffario che tenga effettivamente conto del numero dei componenti del nucleo familiare, assegnando quantitativi di consumo annuo a scaglioni e prezzi progressivi a persona. E riteniamo che le amministrazioni dovrebbero impegnarsi di più nel tutelare i diritti dei loro cittadini».


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno