Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:55 METEO:AREZZO15°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 19 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Cosa ha detto Bonelli su Salis prima di ufficializzare la candidatura

Attualità sabato 04 luglio 2020 ore 15:20

L'Antiquaria al Prato piace proprio a tutti

Tanta gente alla Fiera. Aumenta il numero degli espositori. Commercianti al fresco, all'ombra e contenti della partenza



AREZZO — Che non si dica che l'Antiquaria al Prato non funziona. Già dalle prime ore del sabato mattina molta gente è salita alla Fiera non solo a curiosare ma anche e soprattutto ad acquistare.

Girando tra i banchi, tanti commercianti erano alle prese con trattative e vendite. Certo, gli affari non sono più quelli di due-tre anni fa ma, chi sale fino al Prato lo fa perché effettivamente interessato. Questa, infatti, è la nuova chiave di lettura della Fiera in "trasferta", che viene confermata anche da molti espositori.

"Il problema non è la location - afferma un antiquario di Empoli - ma il fatto che tutti abbiamo meno soldi e meno disponibilità economica. Comunque non mi posso lamentare per come sta andando la Fiera".

Sgombriamo subito il campo da dubbi e dalle polemiche che si sono susseguite in questi giorni. La nuova ubicazione dei banchi piace a tutti. Espositori e clienti si dicono contenti del Prato che, specialmente in estate, permette di respirare e stare più freschi sotto gli alberi secolari. 

Certo, questo penalizza i commercianti dell'indotto. Bar, ristoranti, struttura del centro storico che prima del lockdown avevano la Fiera "alla porta" ma favorisce antiquari e clienti che passeggiano per i banchi all'ombra e all'aria fresca. Anche la logistica non è da sottovalutare. Al Prato, infatti, gli espositori arrivano, montano e ripartono con estrema semplicità, evitando gli "intasamenti" nelle vie del centro storico.

Questa edizione ha visto anche un consistente incremento di venditori. Sono 254 infatti i banchi presenti al Prato provenienti da un po' tutta Italia.

"Prima avevo il posto in piazza Grande - sostiene un commerciante di Torino che vende cimeli ed oggetti antichi di guerra - e si 'moriva' dal caldo. Mi piace molto la nuova collocazione e ritengo che sia un'ottima soluzione per i mesi estivi. C'è molta gente e sto lavorando. Chi viene lo fa perché ha le idee chiare su cosa vuole. La Fiera è cambiata. C'è la crisi ma gli oggetti particolari sono richiesti e si vendono sempre".

Legno, ferro, cimeli, argenteria antica, tovaglie, vintage, libri, quadri, orologi, e oggetti d'arte e per la casa sono in bella mostra e non sfuggono agli occhi interessati dei compratori che, nel rispetto delle regole sul distanziamento e muniti di mascherine, rendono la Fiera Antiquaria più viva e "fresca" che mai.

Infine una nota sui turisti che, in prevalenza italiani, sono venuti anche dall'estero. Tra i banchi, infatti, si sentiva parlare giapponese, tedesco, francese, inglese.
Insomma, una Fiera della ripartenza che piace a tutti, tranne forse a qualche associazione di categoria, che nonostante il primo vero weekend di grande caldo, tiene testa anche alla voglia di mare degli aretini.

Andrea Duranti
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno