Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:25 METEO:AREZZO17°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 17 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Accesa a Olimpia la torcia olimpica: inizia il viaggio verso l’inaugurazione di Parigi 2024

Attualità mercoledì 02 agosto 2023 ore 19:10

Carburanti, partito obbligo del prezzo medio

Marraghini (Faib-Confesercenti Arezzo) “Misura inutile e dannosa. Il governo non taglia le accise e scarica sui gestori responsabilità delle compagnie



AREZZO — La Faib-Confesercenti interviene sul nuovo obbligo di esposizione del cartello del prezzo medio regionale.
“Siamo favorevoli che da ieri al monitoraggio attento sul territorio” commenta Claudio Marraghini presidente provinciale della Faib, la Federazione dei gestori carburanti aderenti a Confesercenti “ma diciamo no agli accanimenti sanzionatori. Ci tengo a sottolineare che non sono i gestori a speculare. Non ci stanchiamo di ripeterlo ed evidenziarlo. I gestori adottano i prezzi indicati dalle compagnie”.

Da ieri” puntualizza il presidente Marraghini “è entrato in vigore il nuovo obbligo di esposizione del cartello del prezzo medio regionale in modalità self dei carburanti, proprio quando la crescita delle quotazioni internazionali dei prodotti petroliferi fa lievitare i prezzi ai distributori di benzina, ma il Governo Meloni non prevede di intervenire con il taglio delle accise”.

Il rischio” sottolinea Claudio Marraghini “è che si realizzi quello che le associazioni di settore, Faib Confesercenti in testa e la stessa Antitrust, avevano pubblicamente denunciato nei mesi scorsi, cioè un allineamento verso l’alto del prezzo medio, perché questo potrebbe stabilizzare sul mercato interno le spinte internazionali sui prezzi, togliendo spazio alla competitività. In questo caso, oltre a nuovi aggravi gestionali avremmo la beffa di prezzi che disincentivano la vendita dei carburanti, con grave danno per i gestori che vivono non in ragione del prezzo, ma di una marginalità fissa per erogato.

Vorrei precisare” continua Claudio Marraghini che ha partecipato insieme a numerosi altri colleghi alla riunione regionale dei gestori Faib, “che ci sono ancora, sul territorio anche provinciale, diversi impianti che non sono stati riforniti dei cartelli dalle compagnie, nonostante i solleciti, e che l’introduzione di questo strumento coincide con il periodo feriale anche per i gestori che, in caso di chiusura del punto vendita e assenza del servizio, non hanno l’obbligo di aggiornare i cartelli”.

Sarebbe auspicabile” aggiunge Lucio Gori responsabile di Faib-Confesercenti Arezzo “che questa prima fase di introduzione dell’obbligo, a ridosso di difficoltà logistiche evidenti e segnalate e del periodo feriale, fosse messo in atto un attento monitoraggio, da parte degli organi di vigilanza, per accompagnare il nuovo adempimento, senza accanimenti sanzionatori. Ribadiamo che nei distributori non è in atto nessuna speculazione, i gestori adottano i prezzi raccomandati dai fornitori. Da quanto possiamo verificare, così come già confermato da Garante per la concorrenza, i prezzi stanno lievitando per effetto delle quotazioni internazionali e sulle autostrade anche per effetto delle royalty dovute alle società concessionarie delle tratte e per la mancata riforma”.

È necessario” concludono Gori e Marraghini “mettere mano, con urgenza, ad una riforma generale del settore che ripristini la piena legalità contrattuale e accompagni il processo di transizione energetica”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno