Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:AREZZO19°36°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 25 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Paura sull'autostrada: la grandine è così forte che rompe il parabrezza
Paura sull'autostrada: la grandine è così forte che rompe il parabrezza

Attualità giovedì 31 agosto 2023 ore 12:00

Cene propiziatorie e Giostra, firmata l'ordinanza

In vista delle Cene propiziatorie e Saracino firmata dal Sindaco Ghinelli l'ordinanza per la tutela dell'incolumità pubblica e la sicurezza urbana.



AREZZO — In vista delle Cene propiziatorie che si svolgeranno sabato 2 settembre nelle sedi dei Quartieri e della Giostra del Saracino che si correrà domenica 3 settembre in piazza Grande è stata firmata dal Sindaco Ghinelli l'ordinanza per la tutela dell'incolumità pubblica e la sicurezza urbana. Queste le disposizioni:

dalle ore 17:00 di sabato 2 settembre alle ore 7:00 di domenica 3 e dalle ore 13:00 di domenica 3 alle ore 7:00 di lunedì 4, ai titolari degli esercizi di somministrazione e commerciali (esercizi in sede fissa, esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande, laboratori artigianali, call center, distributori automatici anche ubicati all'interno degli esercizi sopra indicati) situati nel centro storico (zona “A”) è vietata la vendita per asporto di alimenti e bevande in contenitori di vetro e/o in lattine nonché la somministrazione per asporto e vendita di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione. Il divieto si estende anche agli esercizi temporanei di somministrazione e di vendita, nonché alle imprese che esercitano il commercio o la somministrazione su area pubblica di alimenti e bevande;

nella stessa area del centro storico e negli stessi giorni ed orari è vietato usare e portare, al di fuori delle aree di pertinenza di pubblici esercizi di somministrazione e degli esercizi di commercio in sede fissa, contenitori in vetro o comunque in materiale vetroso di qualsiasi tipologia, lattine o di altri oggetti atti ad offendere o ad essere lanciati, nonché gettarli e abbandonarli.

Le violazioni alle disposizioni in ordinanza sono punite con una sanzione amministrativa pecuniaria di € 300,00. Ai titolari delle attività commerciali, pubblici esercizi, potrà essere inoltre applicata la sanzione accessoria della sospensione dell'attività.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno