Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:50 METEO:AREZZO18°37°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 18 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il ricordo del Barcelona Guayaquil per Justin Cornejo: «Ora la nostra famiglia è incompleta»
Il ricordo del Barcelona Guayaquil per Justin Cornejo: «Ora la nostra famiglia è incompleta»

Attualità lunedì 03 aprile 2017 ore 12:41

Famiglie adottive a confronto alla "Casa Dritta"

Per Talea Onlus promuove un incontro per spiegare le corrette relazioni tra genitori e figli adottati. L'iniziativa si terrà sabato 8 aprile



AREZZO — I confini della famiglia adottiva per una buona relazione educativa sono al centro del nuovo seminario organizzato da Per Talea Onlus. L'associazione aretina che riunisce i genitori adottivi e affidatari promuove periodicamente alcuni incontri di approfondimento e di confronto per aprirsi alla cittadinanza, con il prossimo appuntamento che sarà sabato 8 aprile alla Casa Dritta in via Garibaldi 15.

Dove inizi tu finisco io! Come valorizzare i confini della famiglia adottiva è il titolo di un convegno che, ad ingresso gratuito e in programma dalle 16.00 alle 19.00, avrà come relatrice la dottoressa Margarita Soledad Assettati che, oltre ad essere psicologa e psicoterapeuta, ricopre anche il ruolo di giudice onorario del tribunale per i minori di Perugia. Questa professionista si rivolgerà a genitori, insegnati, assistenti sociali ed educatori per rispondere a numerose domande legate alla corretta relazione con i bambini adottati o affidati, spiegando i limiti e le regole che devono caratterizzare una famiglia per evitare che i genitori siano fagocitati o dominati dai figli.

«Si tratta di un argomento particolarmente delicato - spiega Rossana Ragonese, presidente dell'associazione Per Talea che, al momento, conta circa trenta famiglie di Arezzo e provincia con sessanta associati. - Nell'adozione, infatti, i genitori accolgono un bambino che porta con sé una storia ricca e complessa, anche di dolore e con ferite, e che spesso arriva da posti molto diversi come modi di vita e cultura. Il compito dei genitori adottivi è di far diventare familiare l'estraneità e riparare le ferite, dunque il babbo e la mamma imparano ad essere più flessibili, aperti e disponibili nei confronti dei figli, con il rischio talora di esserne "fagocitati". Il ciclo di vita della famiglia adottiva è un continuo aprirsi, fare spazio, andare a visitare, uscire e lasciare entrare: nel rapporto genitori-figli i confini si aprono e si spostano, ma devono comunque essere posti. Come dunque essere accoglienti e disponibili senza farsi "fagocitare"? Quali, quanti e come dare limiti ai figli? ».

Il ruolo del genitore adottivo è particolarmente complicato perché deve farsi carico di situazioni pregresse e trasmettere vicinanza, affetto e accoglienza, ma allo stesso tempo ha la responsabilità di garantire al bambino una corretta educazione e una crescita sana. L'incontro alla Casa Dritta avrà proprio l'obiettivo di offrire un pomeriggio di riflessione e di confronto tra le famiglie aretine con il prezioso supporto della dottoressa Soledad Assettati che aiuterà a capire come comportarsi e come porre giusti limiti ai propri figli.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno