Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:AREZZO10°24°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 26 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Massimo Bernardini lascia 'Tv Talk', il saluto e l'addio commosso: «Devo andare, mia moglie mi aspetta»

Attualità martedì 22 dicembre 2020 ore 10:00

Federica Ettori nuovo presidente dell'Arci

Scelta del direttivo in seguito alle dimissioni di Stefano Gasperini che ha lasciato per impegni lavorativi. I prossimi obiettivi dell'associazione



AREZZO — Federica Ettori è la nuova presidente del comitato Arci di Arezzo. E' stata nominata dal consiglio direttivo per traghettare l'associazione verso il prossimo congresso che si terrà negli ultimi mesi del 2021. Una scelta, quella del direttivo, che succede alla decisione di Stefano Gasperini di lasciare la presidenza dell'associazione più numerosa per tesserati e circoli di tutta la provincia. 

“Una decisione sofferta – ha spiegato Gasperini – ma inevitabile. I miei impegni di lavoro, sempre più intensi, non mi permettono di guidare un'associazione così importante con la cura e la dedizione che merita”.

Il Dpcm del 25 ottobre scorso, che ha completamente chiuso le attività dei nostri circoli in ogni sua forma, ha generato una ferita profonda nel nostro corpo sociale - ha sottolineato la presidente Federica Ettori. - Siamo però stati in grado di tutelare i nostri circoli, di fornirgli informazione e consulenza come solo un'associazione strutturata quale la nostra può fare”.

“Ci sarà bisogno nei prossimi mesi di interloquire in maniera vivace con gli enti locali del nostro territorio. In primis, ovviamente il Comune di Arezzo, con il quale ci relazioniamo regolarmente e al quale va dato atto di aver mantenuto fede all'impegno di erogare un piccolo ristoro per i Cas del comune” sottolinea ancora.

“Non possiamo però esimerci dal non citare alcuni aspetti che riguardano la nostra area di interesse e sui quali nutriamo delle perplessità come ad esempio la proposte di privatizzazione delle politiche sociali e delle politiche educative comunali attraverso l'istituzione delle due fondazioni. Crediamo inoltre – conclude Ettori – che sia necessario ridiscutere insieme il Regolamento Centri Aggregazione Sociale, nell’ottica di implementare la partecipazione e le iniziative dei CAS stessi”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno