Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:50 METEO:AREZZO21°37°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 22 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
L’esplosione in una fabbrica di Taiwan provoca un'enorme palla di fuoco
L’esplosione in una fabbrica di Taiwan provoca un'enorme palla di fuoco

Attualità mercoledì 22 febbraio 2023 ore 11:00

Un murale per la pace, Arezzo sempre con l'Ucraina

Iniziativa in piazza San Jacopo a 1 anni dall'invasione. Promossa da Rete Aretina Pace e Disarmo con Acli, Arci, Cgil, Movimento dei Focolari Italiani



AREZZO — Una mobilitazione collettiva per chiedere il cessate il fuoco e l’avvio dei negoziati a un anno esatto dall’invasione dell’Ucraina. L’appuntamento è fissato per sabato 25 febbraio quando, dalle 10 alle 20, piazza San Jacopo diventerà sede dell’iniziativa “Un murale per la pace” promossa dalla Rete Aretina Pace e Disarmo e presentata insieme ad Acli, Arci, Cgil e Movimento dei Focolari Italiani con l’obiettivo di lanciare messaggi di pace, solidarietà e umanità. 

Il cuore della manifestazione sarà rappresentato dall’installazione di una serie di griglie su cui verranno esposti manifesti, striscioni e locandine dove, con parole e immagini, ogni cittadino potrà ribadire il proprio “no” alla guerra per tornare verso un’Europa sicura e pacifica per tutti.

Questa iniziativa risponde all’appello lanciato a livello nazionale dalla coalizione Europe for Peace per promuovere una mobilitazione in ogni città in cui mostrare vicinanza al popolo ucraino e alle vittime di tutte le guerre, le violenze, le repressioni e le discriminazioni nel mondo. La città di Arezzo sarà, per l’appunto, sede di “Un murale per la pace” che, oltre a riunire i manifesti appositamente realizzati dalle associazioni aderenti alla Rete Aretina Pace e Disarmo, è aperto alla libera e creativa partecipazione di cittadini di tutte le età che potranno arricchire e colorare l’installazione con disegni, poesie o frasi. Un apposito spazio sarà previsto per le creazioni in estemporanea con una postazione rivolta a bambini e bambine dove realizzare le loro opere e dove condividere i loro messaggi, andando a lanciare una richiesta di pace realmente intergenerazionale. L’iniziativa ha trovato il coinvolgimento di numerose realtà locali della Rete Aretina Pace e Disarmo: Acli, Anpi, Arci, Arci Servizio Civile, Associazione ToscanABILE, Centro Iniziativa “E. Berlinguer”, Cgil, Circolo Aurora, Comunità Emmaus Laterina, ISDE - Medici per l’Ambiente, Laicato Marista, L’Albero del Noi, Legambiente, Movimento dei Focolari Italiani, Gruppo Obiettori Caritas e Oxfam Italia. 

"Il 24 febbraio 2022 iniziò l’invasione russa in Ucraina - ricorda Roberto Secci, coordinatore della Rete Aretina Pace e Disarmo, - e, a distanza di un anno, purtroppo ancora non si vedono spiragli di pace. Con questa mobilitazione diffusa vogliamo dunque chiedere il cessate il fuoco, il dialogo e i negoziati attraverso il fondamentale coinvolgimento di tutto il tessuto comunitario anche della città Arezzo: associazioni e scuole, bambini e anziani".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno