Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:00 METEO:AREZZO18°35°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 14 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video dell'attentato a Donald Trump durante un comizio in Pennsylvania: gli spari e le grida di terrore
Il video dell'attentato a Donald Trump durante un comizio in Pennsylvania: gli spari e le grida di terrore

Giostra Saracino lunedì 06 settembre 2021 ore 12:10

Il Pagellone della Giostra, chi sale e chi scende

Adalberto Rauco, 4 punti e lancia spezzata

Voti e giudizi a giostratori e Quartieri. Valutata la settimana di prove e la prestazione in Piazza



AREZZO — Va in archivio la 140esima edizione della Giostra del Saracino. L'edizione più importante dell'era moderna, quella disputata durante la pandemia e che segna il rilancio e la voglia di risalire la china dell'intera città. 

Vince Porta Crucifera grazie ad una lancia spezzata ma la Piazza ha dato indicazioni chiare ed evidenti.

In questo pagellone diamo il voto ai giostratori ed il giudizio al lavoro svolto dai Quartieri.

Partiamo dai vincitori. Porta Crucifera è un "cantiere aperto". Ha puntato tutto sui giovanissimi e poco esperti Rauco e Vanneschi. Durante la settimana di prove abbiamo notato ancora troppe lacune tecniche e caratteriali della coppia. In Giostra è arrivata la vittoria per merito di una lancia spezzata ma se Colcitrone vuol continuare a guardare gli altri Quartieri dall'alto al basso deve lavorare ancora molto.
Adalberto Rauco voto 8 come i punti che ha messo sul tabellone. La sua carriera, finita sul 4, non è stata molto bella ma la sorte lo ha premiato. Come si usa dire la fortuna aiuta gli audaci e Rauco è stato "guardato a vista" dalla Dea Bendata, e anche questo è un merito.
Lorenzo Vanneschi voto 6,5. Deve colpire il 3 e lo fa in tutta sicurezza, poi un episodio da "Var" prima di riconsegnare la lancia ma il giostratore fa il suo dovere e dimostra carattere e nervi saldi.

Porta Santo Spirito. Prove e Giostra più che eccellenti. Da anni stanno lavorando con lungimiranza e grande competenza. Bravi anche nella gestione dei cavalli e del gruppo di lavoro, che sta anche formando "riserve di lusso".
Gianmaria Scortecci 9. Effettua una carriera perfetta, sia tecnicamente che caratterialmente. Colpisce il 5 con una tranquillità e sicurezza impressionanti. E' la vera star della Piazza.
Elia Cicerchia 8. Brilla meno di Scortecci ma dimostra di essere sempre un grande giostratore. Si vede che è consapevole delle sue enormi potenzialità e ci mette una grinta straordinaria. Non è ancora tornato il "cecchino infallibile" di inizio carriera ma svernicia il 5 sul tabellone con un tiro impeccabile.

Porta Sant'Andrea. Quartiere che raccoglie l'ottimo lavoro fatto nel corso degli anni. Bravi nello scegliere cavalli adatti e pronti alla Piazza. Settimana di prove impeccabile tanto per le prime che seconde lance. 
Tommaso Marmorini 8. Disputa una bellissima carriera centrando perfettamente il 5. Eccellente il feeling con "Conte", forse il miglior cavallo visto in Piazza. Durante la settimana di prove è andato a corrente alterna ma in Giostra è stato perfetto ed è entrato a pieno titolo tra i big della lizza. 
Enrico Vedovini voto 6. L'errore, di questo si tratta, di aver perso la lancia gli costerebbe la sufficienza, ma il 5 colpito merita di essere premiato. Di lui si può dire che è entrato nella leggenda della Giostra e anche ieri ha dimostrato di essere ancora tra i più forti. 

Porta del Foro, lavori in corso. La "Chimera" è il Quartiere con meno Lance d'Oro e se continua così nell'ultima posizione rischia di rimanerci a lungo. Non c'è continuità e determinazione durante le prove e tantomeno in Giostra, dove ha dimostrato di essere  "scarico", quasi rassegnato e senza la dovuta grinta per mettersi in evidenza.
Gabriele Innocenti voto 5. Scende sulla lizza quando sul tabellone ci sono punteggi "stellari". Deve puntare al centro ma effettua una carriera "incomprensibile". Spinge il cavallo per colpire con forza il buratto nel tentativo, improbabile, di spezzare la lancia. Non controlla il tiro che finisce mestamente sul 3.
Davide Parsi voto 5,5. Chiude la Giostra mettendo un "anonimo" 4 sul tabellone. La Lancia d'Oro ormai aveva preso la strada di Colcitrone ma lui aveva l'occasione per dimostrare di avere il centro sula lancia. Cavaliere dalla grandi potenzialità che non riesce ad esprimere completamente.

Andrea Duranti
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno