Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:20 METEO:AREZZO-0°10°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 30 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
I consigli estetici di De Luca a Bonaccini: «Lo voto, ma spunti quella barba e si tolga gli occhiali a goccia»

Attualità giovedì 01 dicembre 2022 ore 17:55

Lampioni spenti, città al buio e polemiche

Marchionna ore 17,22

L'accensione tagliata genera risparmio energetico ma anche molti disagi. Il pomeriggio e pure la mattina. Monta la protesta



AREZZO — Ore 17,22. Un quartiere come tanti, ad esempio la Marchionna dove abbiamo scattato le foto, è al buio. Gente a spasso con il cane o in bicicletta - in fondo è metà pomeriggio - ma tra l'oscurità.

Il Comune, dopo una sequela di polemiche e proteste, che stanno invadendo anche i social tirando in ballo anche quanto splenda invece la Città del Natale, ha stabilito di anticipare di venti minuti l'accensione. Quindi, alle 17,40 l'illuminazione pubblica parte. Invece, la mattina la situazione rimane difficile.

Chi apre le attività o va al lavoro molto presto rimane nell'oscurità. Ci sono alcune zone in cui la preoccupazione e il disagio sono maggiormente percepiti, pensiamo a via Calamandrei con le sue decine di fabbriche. Ma anche al centro dove le edicole o i fornai, o i bar e le pasticcerie iniziano veramente presto. Lo stesso può valere per la zona dell'ospedale.

La questione è finita anche in Consiglio comunale - con interrogazioni di Sileno e Caneschi - e l'assessore Sacchetti ha detto “sulla base di simulazioni, abbiamo riscontrato che un’ora di ‘buio’ in più comporta un risparmio energetico di 130.000 euro all’anno. Due ore, come abbiamo deciso, portano dunque a 260.000 euro. Possono esserci dei disagi, lo sapevamo, ma crediamo anche che la pubblica amministrazione debba dare l’esempio, come forma di solidarietà con la popolazione dell’Ucraina e allineandosi a quanto stanno facendo le aziende private italiane. Il problema resta oggi sotto traccia ma riesploderà a breve. Pendo l’impegno di studiare la possibilità di raggruppare a prima dell’alba le due ore adesso spalmate tra l’ora di posticipo dell’accensione pomeridiana e l’ora di anticipo dello spegnimento notturno. Non possiamo infine per ragioni tecniche fare una selezione puntuale di tutti i punti di illuminazione, spacchettando, ad esempio, parchi a un’ora e piste ciclabili a un’altra”.

Claudia Martini
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno