Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:55 METEO:AREZZO15°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 19 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Cosa ha detto Bonelli su Salis prima di ufficializzare la candidatura

Attualità mercoledì 08 marzo 2023 ore 19:30

L'ultimo cinema del centro salvato dai cittadini

Serata emozionante all'Eden con gli aretini che hanno partecipato al crowdfunding raccogliendo oltre 44mila euro. Ora si pensa al futuro



AREZZO — Il Cinema Eden di Arezzo è pronto alla sfida del 2023. Una sfida da giocare non più in solitudine, cinema d’essai sotto le mura della città, ultimo cinema nel centro storico di Arezzo, ma insieme ad un pubblico numeroso, fatto dai tanti appassionati e dai tanti affezionati, anche al di là delle mura cittadine, che hanno deciso di sostenerne lo sforzo amministrativo e il valore civico e culturale attraverso la campagna di crowdfunding “Non ci resta che piangere”.

La campagna, curata da Officine della Cultura all’interno del portale Produzionidalbasso.com, si è infatti chiusa martedì 28 febbraio con un risultato positivo che permette di guardare al futuro immediato con ottimismo. 

Ed è proprio di questo risultato che si è parlato ieri sera tra le sale dell’Eden, in un incontro aperto alla città per festeggiare insieme il traguardo raggiunto – la campagna di crowdfunding ha ottenuto € 44.627 a fronte di una richiesta iniziale di € 40.000 - e ringraziare, uno ad uno, i 422 sostenitori ben sapendo che in alcuni casi i numeri sono maggiori, come ad esempio in occasione delle serate a sostegno della campagna proposte dai circoli ARCI. 

Senza rinunciare al lancio di ulteriori sorprese, oltre alla programmazione, inattesa ma forse non troppo, del film originale che ha dato il via all’immaginario legato alla sfida del crowdfunding sotto il segno di #1fiorinoxeden: il “Non ci resta che piangere” firmato da Roberto Benigni e Massimo Troisi.

Massimo Ferri, Presidente di Officine della Cultura, così racconta i 145 giorni del crowdfunding: "Quando, nel 2015, abbiamo assunto la gestione del Cinema Eden sapevamo di entrare a far parte della storia di uno spazio artistico e culturale con un legame forte con la città. Lo sapevamo perché eravamo noi stessi, da pubblico, parte di quel legame, di quell’affetto. Ci è dunque sembrato semplice, anzi doveroso, il racconto in sala, senza troppi giri di parole, quasi come all’interno di una famiglia allargata, dei problemi economici del cinema. Ed è proprio quanto abbiamo confidato al team di Produzionidalbasso.com impostando la campagna. Ci aspettavamo un ascolto partecipe ma il pubblico dell’Eden, e non solo, ci ha dato molto di più: ha ribadito quel legame forte, intrecciandolo ancora di più con la propria storia, ricordando a tutti noi che, al di là dei fogli di calcolo, dei profitti e delle perdite, e parafrasando Shakespeare, “una collettività può farsi della stessa sostanza di cui sono fatti i sogni”".

"La storia del Cinema Eden è oggi nei commenti che molti donatori hanno scritto nella bacheca del progetto. Vi si legge il legame con il territorio, la memoria, la nostalgia, la necessità di una presenza per molti preziosa e questo ci allieta e ci invita allo stesso tempo a proseguire il nostro percorso con fiducia – aggiunge Michele Squillace, una tra i volti che fanno parte della storia dell’Eden. – Importante e rilevante è stato però anche l’apporto di donatori non residenti ad Arezzo, addirittura senza alcun legame con la città, semplicemente per essersi riconosciuti nel nostro progetto, per l’adesione ad un’idea di cinema forse “antica” ma certo profondamente ancorata al bisogno di socialità degli essere umani. Invitiamo tutti loro a venirci a trovare, a sentirsi qui un po’ come a casa".

Tra gli interventi della serata si segnala anche quello in video di Angelo Rindone del portale produzionidalbasso.com, la prima piattaforma di crowdfunding nata in Italia dedicata al microfinanziamento dal basso.

Al di là dell’ottimo risultato della campagna di crowdfunding il 2023 del Cinema Eden nasce anche all’insegna di un’importante convenzione tra Officine della Cultura e il Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II di Arezzo. "La collaborazione tra il Convitto Nazionale di Arezzo e le Officine della Cultura - afferma il Dirigente Luciano Tagliaferri - è da tempo consolidata, grazie al Progetto Officine Social Movie dove i ragazzi del Liceo Artistico indirizzo cinema collaborano nell'ideazione, organizzazione e comunicazione. La volontà di sostenere economicamente in modo importante le attività del Cinema Eden, e l'utilizzo degli spazi per le attività didattiche, progetti, mostre, workshop organizzati dal Liceo Piero della Francesca, rientrano nella volontà comune tra le due realtà aretine per promuovere arte e cultura". La convenzione vedrà dunque diventare ancora più saldo e strutturato il legame già solido tra l’Istituto e Officine della Cultura.

Ulteriori informazioni: www.officinedellacultura.org.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno