Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:05 METEO:AREZZO12°28°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 18 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Maneskin, Victoria De Angelis dj (in bikini) nella stanza d'albergo

Cronaca martedì 07 settembre 2021 ore 17:30

Botte a minorenne disabile, presi i responsabili

L'episodio al parcheggio Pietri. Denunciati un 16enne e un 17enne che avevano preso a pugni il ragazzino intervenuto per difendere l'amico



AREZZO — Sedicenne non vedente aggredito la notte dello scorso 3 settembre, individuati i responsabili della vile gesto. La vittima si trovava, insieme ad altri coetanei, al parcheggio “Pietri”, ormai divenuto luogo di ritrovo di molti giovani. 

Il gruppo della vittima, verso mezzanotte, è stato avvicinato da alcuni minorenni. In particolare due di questi, con fare arrogante, hanno iniziato a frugare nello zaino di un ragazzo alla ricerca di sigarette. Dopo le naturali proteste dell'interessato è intervenuto in sua difesa un altro giovane, la vittima dell'aggressione. Questo ha scatenando la reazione violenta dei due malintenzionati che, improvvisamente, hanno sferrato pugni al volto del 16enne disabile. Il giovane è stato anche colpito con calci alle gambe. 

Il ragazzo, a seguito dei colpi ricevuti, ha riportato delle ecchimosi sul volto e la rottura di un dente. Immediato l’intervento delle Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico che, mentre il giovane veniva soccorso all’Ospedale San Donato, si sono adoperati tempestivamente per rintracciare gli aggressori che nel frattempo si erano dati alla fuga. 

Le testimonianze dei numerosi avventori presenti al momento dei fatti sono state raccolte  dagli agenti delle Volanti e, successivamente, dalla Squadra Mobile della Questura di Arezzo. Le dichiarazioni rilasciate hanno consentito di risalire all’identità dei due responsabili, due ragazzi di 17 e 16 anni, che sono stati denunciati per lesioni personali aggravate.

Questa mattina, coordinati dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Firenze, Antonio Sangermano, gli agenti della Squadra Mobile hanno eseguito i decreti di perquisizione domiciliare emessi a carico degli indagati e sono stati trovati e sequestrati i telefoni cellulari dei due giovani. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno