Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:03 METEO:AREZZO14°25°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 25 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Sara Funaro eletta prima sindaca di Firenze: «Porterò il mio lato materno e femminile alla città»
Sara Funaro eletta prima sindaca di Firenze: «Porterò il mio lato materno e femminile alla città»

Attualità mercoledì 18 novembre 2020 ore 12:25

"Natale povero per negozianti e ricco per il web"

Massimo Boncompagni

Massimo Boncompagni, noto gioielliere e presidente dell'area aretina di Confesercenti, rimarca le incertezze che regnano per tutti i commercianti



AREZZO — Il Natale si avvicina. Per la stragrande maggioranza dei commercianti questo periodo rappresenta il fulcro dei loro guadagni. I bilanci devono tornare e senza incassi poco possono fare gli eventuali "benefit" o "ristori" promessi dal governo.

Le attività hanno bisogno di lavorare e per far questo occorre programmazione.  

Massimo Boncompagni, conosciutissimo gioielliere e presidente dell'area aretina di Confesercenti, sottolinea proprio come l'incertezza sulle riaperture sia "deleteria" per chi con il Natale cerca di far quadrare i conti.

"Un periodo non semplice durante il quale il pensiero quotidiano è a come poter fronteggiare le difficoltà e riprogrammare la ripresa dell'attività. Non sappiamo se realmente - spiega Massimo Boncompagni - dal 4 dicembre saremo aperti o come si legge in qualche quotidiano dal prossimo 11 dicembre. Se si andrà verso al riapertura dovremmo saperlo. Le attività hanno bisogno di acquistare la merce per proporre alla clientela un’offerta mirata all’acquisto di regali da mettere sotto l’albero. Non vogliamo trovarci impreparati ma al tempo stesso non possiamo permetterci di investire, in questo periodo di incertezza, con il rischio di dover tenere chiusi e ritrovarci con un pugno di mosche in mano. Servono indicazioni chiare, non è più il momento dell’indecisione e dei Dpcm ad oltranza che ogni giorno cambiano quanto deciso precedentemente. In ottica dell’imminente periodo di festività - conclude  Massimo Boncompagni  - vedo un Natale ‘povero’ per i commercianti e ‘ricco’ per il commercio elettronico.
Ancora una volta a pagare il prezzo della crisi saranno solo i piccoli commercianti mentre i grandi player continueranno a fare affari, se non addirittura incrementando i fatturati.
Per noi comuni commercianti, vedo uno scenario, preoccupante, se non addirittura disastroso, per il 2021 e negli anni a venire”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno