Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:AREZZO12°25°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 19 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità giovedì 23 febbraio 2023 ore 16:55

Insufficienza respiratoria, al San Donato 8 posti letto

L'unità di terapia intensiva pneumologica con la nuova strutturazione interna e una tecnologia avanzata interviene sempre più rapidamente



AREZZO — Otto posti letto riservati ai pazienti con insufficienza respiratoria. Sono quelli dell'Utip, l'unità di terapia intensiva pneumologica del San Donato di Arezzo collocati all'interno del Reparto di Pneumologia. Otto posti allestiti in una unità completamente rinnovata e di moderna concezione che permette al personale di ottimizzare il lavoro e al paziente di essere seguito in modo continuativo. Grazie alla tecnologia in dotazione e alla nuova strutturazione interna della UTIP il personale può intervenire più rapidamente e gestire al meglio il paziente con attacco respiratorio acuto e le sue complicanze. 

"Si tratta di patologie "tempo-dipendenti" – spiega il dr Raffaele Scala, direttore UOC Pneumologia -Utip - in cui la rapidità di intervento da parte di tutta l'equipe che lavora in modo integrato e coordinato fa la differenza".

Nell'Utip vengono ricoverate le persone con insufficienza respiratoria grave che hanno necessità di assistenza respiratoria avanzata, con ventilazione non invasiva mediante maschere e caschi e con sistema di alti flussi, e quelle da svezzare dalla ventilazione meccanica invasiva e da cannula tracheale. "Una sorta di snodo – spiega il dottor Scala - che accoglie pazienti che arrivano in pronto soccorso o provengono da altri reparti a seguito del peggioramento delle condizioni respiratorie e hanno bisogno di un supporto respiratorio non invasivo per evitare l'intubazione tracheale. Qui arrivano anche pazienti dalla rianimazione che non possono essere trasferiti in reparto in quanto ancora dipendenti dal ventilatore per respirare".

"In questa unità – prosegue Scala - si applicano protocolli che preparano i pazienti, dipendenti da ventilazione meccanica, a fare ritorno al proprio domicilio con un apparecchio per respirare. Qui infine si fa anche una valutazione capacità del paziente di respirare attraverso la bocca prima di procedere alla rimozione della cannula tracheale. Ci sono tante patologie che hanno come esito una insufficienza respiratoria. Si parla solo di long Covid dimenticandoci che ci sono tante malattie che hanno un impatto molto importante sulla capacità respiratoria e qualità della vita. La UTIP del San Donato accoglie ogni anno quasi 300 pazienti con insufficienza respiratoria acuta dovuta a patologie neuromuscolari, a Bpco, broncopneumopatia cronica ostruttiva, malattie della gabbia toracica, traumi toracici, fibrosi polmonari, gravi sindromi da apnee, polmoniti gravi di origine virale non solo legate al Covid o di origine batterica. Patologie che, dopo la fase acuta, possono lasciare gravi esiti invalidanti con effetti di lunga durata sulla capacità respiratoria e neuromotoria del paziente e che richiedono percorsi di riabilitazione impegnativi e intensivi". 

Alla dimissione un servizio di teleassistenza del reparto assicura una continuità assistenziale a domicilio del paziente in rete con i servizi specialistici territoriali e il medico di medicina generale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno