Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:23 METEO:AREZZO17°30°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 12 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Calenda diceva: «Non farò politica con Renzi, l'ho detto 6 mila volte. Mi fa orrore»

Attualità venerdì 14 gennaio 2022 ore 17:55

"No vax tolgono posti ad altre patologie"

Il vicesindaco Tanti illustra il confronto con la Asl. Nuovi spazi in ulteriori presìdi per pazienti con diverse patologie ma positivi



AREZZO — "Si è da poco conclusa la riunione con la Asl, finalizzata ad individuare la terza fase organizzativa della rete ospedaliera. Accanto ai presìdi Covid, tra cui l'ospedale San Donato, sono stati attivati percorsi strutturati e specifici per dare una adeguata risposta sanitaria a quei pazienti con patologie diverse ma che, seppur asintomatici, risultano positivi al Covid. A fianco quindi dei presìdi si moltiplica la rete delle strutture periferiche dedicate a queste particolari situazioni, che sono sempre più numerose". 

A tracciare il quadro è il vicesindaco e assessore alle politiche sanitarie del Comune di Arezzo, Lucia Tanti, che ha preso parte, questa mattina, con i dirigenti dell'azienda sanitaria all'incontro che ha avuto come oggetto le novità relative al sistema ospedaliero in questo momento di emergenza sanitaria.

"Nel caso della provincia di Arezzo gli ospedali di supporto individuati sono quelli della Fratta, Casentino e Valdarno. Un potenziamento organizzativo che dovrebbe alleggerire i presidi Covid e inserire in un percorso di cura più semplice e veloce coloro i quali per altri problemi hanno scoperto di essere positivi. È evidentemente una risposta necessaria, figlia di un assetto organizzativo che escluse a suo tempo gli ospedali da campo proposti dal sindaco Ghinelli, da me, dal sindaco di Bibbiena Vagnoli e da altri, ma che oggi non solo è comprensibile ma anche condivisibile e utile".

Quindi, il vicesindaco affronta una tematica di stringente attualità "la direzione generale, che ringrazio, ha presentato inoltre dati molto significativi sul rapporto ospedalizzazione, letalità da Covid, diffusione del virus e vaccinazione

Ciò che emerge con chiarezza è che in un anno la mortalità da Covid è scesa dal 56,3 per mille all’1,8 per mille e questo brusco calo è dovuto alla vaccinazione. Sempre i dati ci dicono che Arezzo, essendo una città ad alto tasso di vaccinazione è anche quella con meno morti, meno ricoveri e meno intasamento ospedaliero. Tutti i ricoverati in terapia intensiva sono o no vax o persone che hanno sospeso il ciclo vaccinale; l’80% dei ricoverati nei reparti covid sono o no vax o non hanno completato il ciclo vaccinale. Non serve, quindi, una particolare forma di intelligenza umana per capire che il vaccino ad oggi è la soluzione, che grazie al vaccino la mortalità da Covid è stata quasi stroncata e che per i vaccinati, nella stragrande maggioranza dei casi, il Covid è un’influenza senza particolari implicazioni di gravità".

"Ciò che invece non è più possibile tacere è che la non vaccinazione militante non si circoscrive nell’ambito delle sole scelte individuali, ma ha una ricaduta comunitaria evidente: chi volutamente non si vaccina, non solo mette a rischio la propria salute - il che potrebbe far parte delle libere opzioni di scelta - ma aumentando il rischio oggettivo e misurato per se stesso di essere ricoverato e addirittura di dovere utilizzare la terapia intensiva, di fatto sottrae risposta sanitaria a tutte le altre tipologie di patologia o di estremo bisogno sanitario, queste sì, non volute.

Verrebbe da parafrasare un famoso slogan di qualche anno fa: 'chi non si vaccina mette a rischio anche te'. Ecco perché la sensibilizzazione robusta sulla vaccinazione è un dovere civico e istituzionale che ha a che fare con la diffusa risposta sanitaria, con il diritto di tutti ad avere cure veloci e con la responsabilità di ciascuno di non intasare e mettere in ginocchio i sistemi di salute con motivazioni infondate e che non trovano nessuno riscontro nei numeri e nei dati oggettivi. Le istituzioni hanno il dovere di raccontare questi fatti, di prendere posizione a viso aperto e di non grattare la pancia a chi oggi, dietro il malcelato principio di libertà individuale, mette a repentaglio i sistemi sanitari e la salute degli altri. Per il semplice fatto che hanno torto” chiosaTanti.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Gerli aveva 57 anni ed un grande amore per moto ed auto, tanto da aver aperto una officina. Tanti i messaggi commossi e di cordoglio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Cronaca