Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:50 METEO:AREZZO18°37°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 18 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il ricordo del Barcelona Guayaquil per Justin Cornejo: «Ora la nostra famiglia è incompleta»
Il ricordo del Barcelona Guayaquil per Justin Cornejo: «Ora la nostra famiglia è incompleta»

Attualità mercoledì 14 ottobre 2020 ore 16:41

Nuove regole, Ascom sul piede di guerra

Secondo la Confcommercio aretina "le limitazioni imposte ai locali non eviteranno il problema degli assembramenti"



AREZZO — Confcommercio alza le barricate contro le nuove regole, imposte ai pubblici esercizi, dall'ultimo Dpcm. Indicazioni che non piacciono affatto all'Ascom aretina. “Le limitazioni sull’orario di apertura taglieranno una parte importante del fatturato a tutti i locali, ma soprattutto a quelli più piccoli, quelli con pochi posti a sedere a disposizione - dice il vicedirettore provinciale Catiuscia Fei - ma, a nostro parere non risolveranno in alcun modo il problema degli assembramenti, che continueranno ad esserci perché la gente, i giovani in particolare, di certo non va a letto presto per decreto. Servono nuove regole per il vivere civile e la socialità”.

Abbiamo speso tempo e denaro per mettere i nostri locali in sicurezza e venire così incontro alla nostra clientela e salvare l’occupazione, consapevoli che in questa situazione ognuno debba fare il possibile per arginare la pandemia - ribadisce il presidente dell’Associazione Ristoratori Aretini Federico Vestri. - Non si capisce quindi perché il legislatore sembri accanirsi contro i pubblici esercizi come se dopo le 21 si trasformassero in focolai a tempo. Noi ribadiamo invece che sono luoghi controllati e controllabili, dove la vita sociale può continuare in serenità, con qualche accortezza in più. Se poi qualcuno non rispetta le regole, si passi a controlli più serrati e multe, dove è il caso. Ma in questo modo si rischia solo di dare il via all’abusivismo più sfrenato, con le feste private, magari in posti isolati. Perché una cosa è certa: i giovani hanno bisogno di incontrarsi e troveranno i modi per farlo. Senza contare che un monitoraggio dell’Istituto superiore di Sanità ha evidenziato che il 77,6% dei contagi, attualmente, avviene in ambito domestico”.

La preoccupazione per il futuro del settore è fortissima.

In provincia di Arezzo i mesi estivi hanno portato una boccata d’ossigeno, ma tra i nostri imprenditori – conclude Fei – c’è ancora chi deve pagare i debiti accumulati durante il lockdown e chi deve ammortizzare gli investimenti fatti per mettere il proprio locale in regola secondo il protocollo siglato a maggio. È impensabile che si possa far fronte a una nuova riduzione dell’attività, mentre nessuno fa qualcosa per ridurre le spese cui i gestori dei pubblici esercizi sono tutt’ora costretti, dagli affitti al fisco" prosegue ancora Fei.

E una riflessione a parte va fatta poi per le imprese di banqueting e catering, tra le realtà più colpite dalla crisi economica determinata dal Covid. “Con le limitazioni fortissime imposte ai banchetti, il settore non ha speranza di ripresa né sul breve né sul medio periodo e a dare speranza agli imprenditori mancano seri provvedimenti di sostegno" conclude il vicedirettore.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno