Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:50 METEO:AREZZO16°21°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 22 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La torcia olimpica brilla sul red carpet del Festival di Cannes

Attualità mercoledì 06 marzo 2024 ore 19:00

​Nuovi servizi avanzati per i pazienti diabetici

Si ampliano i servizi per i pazienti diabetici. Un nuovo sistema che permette analisi eseguite presso il punto di cura o di assistenza dell’utente



AREZZO — Si ampliano i servizi per i pazienti diabetici. Nella Azienda USL Toscana Sud Est è infatti entrato a regime il nuovo sistema di glucometri POCT (Point Of Care Testing), che permettono analisi eseguite presso il punto di cura o di assistenza dell’utente. Questa strumentazione, che viene utilizzata per la determinazione della glicemia, offre tracciabilità, qualità, sicurezza per l’operatore e il paziente.

I glucometri POCT sono stati installati in tutti i presidi ospedalieri,territoriali e carceri della Asl Tse.
“Si tratta di strumentazioni point of care, - spiega la responsabile della Rete POCT della Asl Toscana Sud Est Marilena Fantacci, - capaci di garantire la tracciabilità di ogni azione intrapresa durante l’esecuzione del test, la qualità (lo strumento per essere utilizzato necessita di un controllo di qualità ogni 24h) e l’immediatezza del dato indispensabili per una veloce somministrazione della terapia ai pazienti diabetici. Il sistema è regolarmente utilizzato sia dal personale infermieristico che OSS dopo una approfondita formazione che permette un’ attività ai fini dell’assistenza e di una corretta decisione clinica, visti i sempre più numerosi pazienti affetti da diabete. Tutte le strumentazioni sono sotto il controllo dei 13 laboratori dell’Asl Tse che ne monitorano la qualità e intervengono se presenti criticità.Nel futuro, in situazioni particolari, potranno essere utilizzati nella telemedicina dai diabetologi, che da remoto potranno visionare i dati dei pazienti senza che questi si spostino per raggiungere gli ambulatori, verificando e monitorando la terapia in atto.Tutti i componenti del gruppo della Rete POCT hanno lavorato in sinergia con i vari dipartimenti con un lavoro multidisciplinare, - conclude la dottoressa Fantacci, – mettendo a disposizione la proprie competenze nel rispetto della norma ISO 9001:2015, a garanzia del percorso di qualità per favorire un controllo delle eventuali criticità che possono presentarsi in un paziente diabetico”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno