Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:15 METEO:AREZZO12°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 24 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Un branco di 30 lupi entra in teatro, corre tra gli spettatori e assale gli attori: ma sono animali addestrati

Attualità venerdì 12 marzo 2021 ore 16:20

Promozione dell'artigianato, soldi dalla Regione

Lucia De Robertis con Eugenio Giani

Stanziati 500mila euro per progetti che valorizzino l'arte e la tradizione della manifattura toscana. De Robertis "opportunità anche per gli orafi"



AREZZO — La Regione mette a disposizione 500mila euro per sostenere progetti promozionali per la valorizzazione dell’artigianato artistico e tradizionale. Sono stati appena approvati, infatti, i criteri in base ai quali Sviluppo Toscana emanerà a breve un bando per contribuire alla realizzazione di progetti promozionali da parte di piccole e medie imprese e reti di imprese.

“L’artigianato artistico e tradizionale – commenta Lucia De Robertis, consigliera regionale – è la punta di diamante del saper fare toscano, e qui in provincia di Arezzo, nel distretto orafo, ha una delle sue migliori e più note eccellenze. Il sostegno della Regione sarà per iniziative che consentano la valorizzare delle componenti territoriali e settoriali, ma anche l’introduzione di elementi di innovazione nel mondo dell’artigianato artistico e tradizionale e il più ampio coinvolgimento delle imprese, singole o aggregate.”

Saranno ritenuti ammissibili al contrbuto regionale, i progetti che prevedano, dunque, la realizzazione di azioni volte alla promozione, alla tutela, alla valorizzazione, all’innovazione e all’internazionalizzazione dell’artigianato artistico e tradizionale toscano.

Il sostegno della Regione, realizzato sotto forma di contributo a fondo perduto il cui importo potrà andare a coprire l’intero costo delle iniziative, non dimentica la difficoltà del settore, anch’esso colpito duramente dal Covid.
“Le proposte progettuali – ricorda, infatti, De Robertis - dovranno tenere conto degli effetti prodotti della pandemia sul settore e individuare iniziative e progetti che possano essere efficaci per la sua ripartenza”.

Le attività sostenute dovranno essere realizzate nel periodo compreso dal 1 gennaio al 31 dicembre 2021.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno