Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:17 METEO:AREZZO14°24°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 28 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Alberto Angela a Pompei: «Sperimenteremo la tecnica del piano sequenza»

Attualità giovedì 09 giugno 2016 ore 17:10

"Risparmiatori gabbati due volte"

Quagliariello (Idea) sul decreto Banche. "​Sui risarcimenti alle vittime di Banca Etruria e compagnia, la sinistra si è scoperta liberale"



AREZZO — "Sul tema dei risarcimenti alle vittime di Banca Etruria e compagnia, la sinistra che ci governa si è scoperta tutto a un tratto liberale. Il premier ha infatti detto, in sostanza, che gli investitori gabbati pagano il pegno di operazioni spericolate finalizzate a ottenere rendimenti altissimi, e che solo la magnanimità dell'esecutivo consentirà loro di ottenere un ristoro dei risparmi perduti". Lo ha detto Gaetano Quagliariello, presidente del movimento 'Idea', intervenendo in Senato sul decreto banche.

"Sarebbe tutto vero - ha proseguito Quagliariello - qualora i risparmiatori aretini fossero stati consapevoli di ciò che stavano sottoscrivendo. Dalle indagini sembra emergere tutt'altro. E non a caso Renzi, dopo aver sbandierato a destra e a manca l'attivazione degli arbitrati per distinguere i truffati dagli incauti, ha spedito Calenda in Europa a caccia di risorse e all'atto di partorire il decreto per gli indennizzi ha messo in campo, per una parte dei risparmiatori, una forma di risarcimento sedicente automatico che a ben vedere automatico non è, ma che ha la funzione di precludere a chi ne faccia richiesta l'accesso all'arbitrato, e dunque di evitare che tutti sappiamo quanti davvero siano i truffati - tanti - rispetto agli investitori consapevoli e spericolati".

"In sostanza il governo dice a 10.559 italiani: 'siete stati truffati, avete perso i risparmi, a volte i risparmi di una vita, ma in fondo se guadagnate più di 1.500 euro al mese o avete altri investimenti finanziari del valore di un box auto a Roma, oppure se quando siete stati ingannati dalla vostra banca non eravate coscienti che era entrata in vigore una direttiva europea, che il governo non avrebbe ratificato se non quando utile per il caso Etruria, allora, la vostra truffa è nulla e voi non avete bisogno di essere risarciti'. Verrebbe da commentare - conclude Quagliariello -: non è questo il mercato, bellezza!".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno