Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:06 METEO:AREZZO14°22°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 20 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, Giornata Mondiale delle Api: da piazza del Popolo a Villa Pamphilj arrivano gli «spacciatori» di semi di fiori

Attualità giovedì 27 aprile 2023 ore 12:25

"Sanità a grave rischio", presidio al San Donato

Cgil, Cisl e Uil davanti all'ospedale cittadino in vista della mobilitazione per ottenere un cambiamento delle politiche anche occupazionali



AREZZO — Domani, venerdì 28 aprile, presidio Cgil, Cisl e Uil di fronte all’ospedale San Donato con inizio alle ore 12. “E’ una delle iniziative che abbiamo programmato a livello locale in vista del 6 maggio – ricorda Gianmaria Acciai, segretario provinciale della Fp Cgil. - I sindacati confederale hanno unitariamente deciso CGIL, CISL e UIL hanno deciso una fase di mobilitazione unitaria con una campagna di assemblee nei luoghi di lavoro e nei territori che culminerà con tre manifestazioni interregionali. Quella per il centro Italia sarà la prima e si terrà il 6 maggio a Bologna. L’obiettivo è ottenere un cambiamento delle politiche industriali, economiche, sociali e occupazionali”.

Un capitolo della piattaforma sindacale è dedicato proprio alla sanità. Settore che Cgil, Cisl e Uil giudicano “in piena emergenza. Se non si cambia direzione subito, il sistema pubblico rischia di saltare. La pandemia ha messo in evidenza gli effetti dei tagli che si sono costantemente prodotti negli ultimi 20 anni, e anche i fondi del PNRR – con il blocco delle assunzioni – non riusciranno a garantire il rilancio della sanità pubblica. La condizione sia di medici, infermieri, operatori che dei cittadini che ne hanno bisogno non è più sostenibile.

È necessario l’incremento del livello di finanziamento del Fondo Sanitario Nazionale. Non è più rinviabile un piano straordinario di assunzioni e stabilizzazione del personale precario, così come va garantito il rafforzamento della sanità territoriale e dei servizi di prevenzione e ospedalieri, il superamento dei divari territoriali, a partire dal Mezzogiorno. Va sostenuta con determinazione la legge sulla non autosufficienza con risorse adeguate, anche attraverso un fondo nazionale pubblico di natura universale”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno