Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:05 METEO:AREZZO18°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 06 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio Cerciello, la vedova in lacrime: «Questa sentenza non mi riporterà Mario»

Attualità martedì 04 maggio 2021 ore 08:00

Si parla di inclusione e neurodiversità

Mercoledì dalle 14 evento online “Altri palcoscenici: i disturbi dello spettro dell’autismo tra autoironia, narrazione, recitazione e scrittura”



AREZZO — Si parlerà di inclusione e neurodiversità con i Terconauti e la Poti Pictures, noti per il loro impegno su questi temi attraverso il cinema, il fumetto, la scrittura o la pubblicazione di video sui social seguiti da migliaia di follower, nell'evento online “Altri palcoscenici: i disturbi dello spettro dell’autismo tra autoironia, narrazione, recitazione e scrittura”.

L'iniziativa, organizzata dal Dipartimento di Scienze della formazione dell’Università di Siena, si terrà domani, mercoledì 5 maggio, dalle 14 in diretta streaming.


Damiano e Margherita Tercon con Philipp Carboni sono famosi su Facebook, Instagram, TikTok e in televisione per la cifra ironica con cui raccontano la quotidianità del vissuto di Damiano, che è autistico, e di sua sorella Margherita. Si parlerà anche del libro scritto a quattro mani “Mia sorella mi rompe le balle. Una storia di autismo normale” (Mondadori), vincitore del Premio letterario internazionale Milano International, e del sodalizio con Philipp Carboni, che ha dato vita alla serie a fumetti delle avventure del trio.

Saranno ospiti dell'evento anche il regista Daniele Bonarini e la psicologa Sara Borri della Poti Pictures, la casa cinematografica aretina che con l’Università di Siena ha avviato da due anni una stretta collaborazione costruendo un metodo di apprendimento mediato adottato dalla Poti Academy per attori con disabilità intellettiva. Parteciperanno anche Raffaela Macedonio e Maria Iside Friscia di Autismo Arezzo, che introdurranno il tema del “sibling”, il rapporto delle persone con neurodiversità con i loro fratelli e sorelle.

“Ci soffermeremo su come i disturbi dello spettro dell’autismo vengono solitamente narrati e a volte fraintesi nei loro contorni relazionali e sociali e su come, spesso, siano accompagnati da pregiudizi e da distorsioni di senso”, spiegano le docenti Laura Occhini e Alessandra Romano, promotrici dell'iniziativa.

L'evento, introdotto dal direttore del Dipartimento Ferdinando Abbri e dalla presidente del corso di laurea in Scienze dell'educazione Loretta Fabbri, potrà essere seguito in streaming su You Tube all'indirizzo https://www.youtube.com/watch?v=udHySvO2iFc.

Chi volesse iscriversi per accedere all'evento su Webex può farlo al link https://forms.gle/Vaayrm1Fd66MeHun8

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Procura aretina ha aperto un’inchiesta sul decesso di un uomo di 69 anni che aveva ricevuto la prima dose del siero anti-Covid. Eseguita l'autopsia
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità