Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO19°36°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 13 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Roger Federer applaudito al concerto dei Coldplay, Chris Martin gli dedica dei versi
Roger Federer applaudito al concerto dei Coldplay, Chris Martin gli dedica dei versi

Attualità mercoledì 23 febbraio 2022 ore 11:30

Uno sportello d'ascolto di donne che aiutano donne

Nuovo progetto della Cisl in partenza dall'8 marzo dedicato anche a lavoratrici e madri che fanno i conti con la disabilità in famiglia



AREZZO — Donne che aiutano donne per ascoltare, consigliare, indirizzare. Questi gli elementi chiave del progetto “Sportello d’ascolto” fortemente voluto dal coordinamento al femminile della Cisl aretina.

Le segretarie provinciali di Fisascat e Fai Cisl, Maria Rosaria Esposito e Rosalba Salvadori, che hanno contributo alla realizzazione dell'iniziativa spiegano come, in entrambe le categorie, sia elevato il numero di donne lavoratrici e madri: "donne che oltre al lavoro devono ogni giorno misurarsi con la difficoltà della disabilità o della non autosufficienza che, spesso, grava quasi totalmente su di loro. Avere un punto di riferimento dove ricevere ascolto, consigli, un aiuto di come affrontare la questione - proseguono -  oggi è sempre più necessario. Non solo il 'problema', già di per sé è impegnativo, ma va anche aggiunto l’aspetto relazionale che, se già al minimo, è diventato ancora più ristretto a seguito della pandemia. Sappiamo quanto sia pesante l’isolamento e le donne sono quelle che stanno pagando un prezzo maggiore".

Da qui la consapevolezza di offrire qualcosa di concreto mettendo, appunto, a disposizione lo Sportello di ascolto dove due professioniste, una psicologa ed una pedagogista clinica, gratuitamente, due pomeriggi al mese all'interno dei locali della Cisl di Arezzo in viale Michelangelo 116, a partire dal prossimo 8 marzo, si mettono a disposizione per dare un supporto.

"Altro ambito nel quale la Fisascat - termina Esposito - ha voluto operare è la formazione specifica della figura della badante qualificandola come assistente familiare. A questo proposito dal 24 febbraio è partito un corso di formazione, strutturato e riconosciuto, per formare figure 'complete' che siano in grado di prendere in carico la persona non autosufficiente. Corso che, per l’elevata richiesta, sarà riproposto nel corso dell’anno”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno