Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:40 METEO:AREZZO19°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 17 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Morti Covid: dove mettere il miliardo di euro in pensioni che l'Inps risparmia ogni anno

Sport lunedì 03 maggio 2021 ore 21:16

Stellone e il suo staff si sono dimessi

Hanno anche rinunciato ultime tre mensilità di stipendio previste dal contratto. Convocato per domani tutto il gruppo per l'allenamento



AREZZO — Roberto Stellone non è più l'allenatore dell'Arezzo. Il tecnico, arrivato a gennaio dopo l'esonero di Camplone, aveva portato con sé tutto il suo staff: Andrea Gennari, Giorgio Gorgone e Fabrizio Zambardi, rispettivamente collaboratore tecnico, allenatore in seconda e preparatore dei portieri. Dopo la sconfitta di ieri in casa del Cesena all'ultima di campionato, che con la concomitante vittoria del Ravenna ha significato retrocessione in Serie D, si era presentato ai microfoni chiedendo scusa a città, società e tifosi per il fallimento dell'obiettivo minimo: i playout.

L'allenatore e tutti i suoi collaboratori hanno rassegnato stasera le dimissioni. Sembrerebbe un fatto scontato, visto che la retrocessione annullerà di fatto tutti i contratti in essere, ma la rinuncia agli ultimi tre mesi di stipendio che il contratto avrebbe previsto, era molto meno preventivabile. Si tratta quindi anche del mese di aprile, visto che la scadenza naturale sarebbe stata al 30 giugno. Un piccolo gesto, tangibile ma comunque non dovuto, con il quale l'intero staff sta forse anche chiedendo scusa alla città e alla proprietà per il fallimento sportivo.

Domani intanto la squadra è stata convocata per gli allenamenti, come sarebbe normalmente successo in caso di qualificazione ai playout. Doppia sessione di lavoro per i giocatori, che quasi sicuramente lavoreranno all'interno del Comunale, a porte chiuse per ordine pubblico. Senza il solito staff tecnico. Non è stato ancora comunicato dalla società se, e quando, verranno liberati i giocatori, che saranno comunque tutti svincolati dal 30 giugno. Anche l'eventuale, remota, possibilità del ripescaggio, lì renderà liberi da ogni vincolo. Restare in un progetto anche in D o nell'eventuale recupero della C all'ultimo tuffo, come già Guglielmo Manzo ha ventilato oggi, verrà proposto a qualcuno e sarà solo una scelta loro.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Positivi riscontrati in 10 Comuni del territorio. Nessun caso in Casentino. Cala il numero dei ricoverati al "San Donato"
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS