Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:AREZZO11°25°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 27 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio Matteotti, 100 anni dopo - La morte di Matteotti e l'inizio della dittatura violenta di Mussolini

Attualità venerdì 11 giugno 2021 ore 17:15

Vaccinazioni a spron battuto ma i 60enni latitano

Sono oltre 210mila le dosi somministrate in provincia di Arezzo e di queste quasi 68mila per il richiamo. Ecco i dati in base alla fascia d'età



AREZZO — Siamo in piena campagna vaccinale. La Asl si concentra prevalentemente per garantire a tutti almeno una dose del siero. Oltre alle prenotazioni aperte a tutte le fasce d'età, è possibile usufruire degli slot garantiti dai vari Open Day. Insomma, per chi vuole c'è il modo per vaccinarsi. In più questa mattina è stata presentata ufficialmente la campagna vaccinale nelle farmacie. Restare indietro, quindi, è pressoché impossibile. 

Purtroppo i sessantenni ancora latitano. E' una fascia d'età ampia ma coloro che decidono di sottoporsi al vaccino sono ancora troppo pochi. Ieri sera c'era il Pfizer Open Week al Centro Affari ed i sanitari hanno somministrato più dosi ai ragazzi, andati come sostituti, che ai diretti interessati. Sì, questo è un altro modo per vaccinarsi. Una volta scongelate le dosi devono essere utilizzate e quindi ben vengano i giovani che vogliono ricevere l'iniezione.

Tornando ai numeri, ad oggi sono ben 210.843 le dosi somministrate in provincia di Arezzo. Di queste 143.234 come prima iniezione (martedì erano 136.313) e 67.609 per il richiamo.

Entrando nei dettagli si evince che la fascia d'età che ha maggiormente beneficiato del siero sono i 70enni con 34.152 prime dosi e 11.536 richiami.

Tornando ai 60enni sono 33.232 quelli vaccinati con la prima dose (martedì erano 31.602) mentre in 8.054 hanno ricevuto anche il richiamo.

I 50enni che si sono sottoposti alla prima dose sono 21.447 (tre giorni fa erano 19.263) e in 8.159 hanno fatto anche il richiamo.

Per quanto riguarda i 40enni in 13.494 si sono recati ai centri vaccinali e di questi 6.412 si sono completamente immunizzati.

Scendendo, si assottigliano i numeri e questo perché le fasce di età inferiore, per il momento, sono state vaccinate solo perché caregiver o in quanto soggetti con patologie.
A tal proposito il dato sui 30enni vede 7.287 prime dosi e 3.919 richiami, mentre i 20enni che si sono sottoposti alla prima vaccinazione sono 4.330 e quelli che hanno finito 2.635.

Infine ci sono i 16enni che si sono vaccinati nella misura di 1504 come prima dose (più che raddoppiati rispetto a martedì) e 221 per il richiamo.

L'analisi di questi numeri rappresenta come i giovani, rispetto ai più attempati, siano più solerti e desiderosi di ricevere il vaccino.Inoltre è evidente come negli ultimi tre giorni l'incidenza delle prime dosi sia di gran lunga superiore ai richiami.

Nell'intera Area Vasta sono state somministrate complessivamente 514.733 dosi (martedì scorso erano 496.873) e di queste 210.843 nell'Aretino (tre giorni fa erano 203.852), 159.218  nel Senese (contro le 153.285 dell'8 giugno) e 144.672  nel Grossetano (martedì erano 139.736).


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno