Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:AREZZO13°25°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 21 settembre 2021

DUE CHIACCHIERE IN CUCINA — il Blog di Sabrina Rossello

Sabrina Rossello

Due nomi due terre d’origine: la Toscana dove sono nata e cresciuta e la Sicilia da dove è partita la mia famiglia e di cui ho respirato tutte le molecole! Due mondi culinari diversi ma entrambe ricchi di sapori colori e cultura! È multipla anche la mia formazione: diplomata geometra, poi Architettura, a 40 anni per passione iscritta a Biologia e nel frattempo corsi di cucina, di wedding e tanta, tanta pratica come personal chef ed oggi sono esperta di cucina gluten free e di cucina salutare sulla basi scientifiche della dieta mediterranea. Nel 2015, ho inaugurato la mia scuola di cucina e di educazione alimentare. Ho scritto 2 libri: “Ti cucino una Storia” e “A tavola con noi – ricette gustose per umani e per cani” ed ho partecipato alla “Prova del cuoco” su Rai 1 e più volte ospite a “Tadà” su RTV38

I pici, la pasta degli Etruschi

di Sabrina Rossello - lunedì 21 settembre 2020 ore 07:30

I pici sono una sorta di spaghettoni fatti a mano con farina e acqua, di uno spessore di circa ½ cm e, proprio perché fatti a mano, sono molto irregolari.
Presenti da sempre nella nostra cucina, rappresentano un piatto forte nella cucina “povera” della tradizione toscana, in particolare nella zona di Siena, Pienza e della Maremma.
Pare, infatti, che la loro origine risalga agli antichi Etruschi, ne dà testimonianza il famosissimo affresco nella “tomba dei leopardi” nel sito archeologico di Tarquinia, dove è rappresentato un convivio in cui vengono serviti dei piatti con una sorta di “spaghettoni”…
Saranno i pici?
Ad ottobre è in partenza il mio corso di pasta fresca fatta a mano, faremo non solo i Pici, ma anche tagliatelle, tortelli, ravioli….


PICI ALL’ AGLIONE (in bianco)

Ingredienti per i pici:

  • 1 kg di farina di tipo 0
  • ½ litro di acqua
  • 1 cucchiaio di olio e un pizzico di sale

Preparazione:

Disporre su una spianatoia la farina a fontana, aggiungere un pizzico di sale, l’acqua tiepida e un cucchiaio di olio.
Impastare fino a formare un panetto elastico ed omogeneo.
Ricoprire il panetto con la pellicola e (in modo da non farlo seccare mentre si lavorano i pici) e cominciare a tagliare (dal panetto) delle strisce sottili lavorandole con le mani fino ad ottenere dei lunghi spaghettoni dello spessore di circa ½ cm.
Una volta fatti disporli, su un vassoio, distanti tra loro per non farli attaccare e spolverare con la semola di grano duro.
Per il condimento:

  • una testa di spicchi d’aglio
  • sale e pepe
  • olio evo
  • pecorino piccante grattugiato

Cuocere i pici in abbondante acqua salata e poi si insaporiscono direttamente nella padella dove precedentemente era stato messo olio e abbondanti spicchi d’aglio pestati. Servire cosparsi di pecorino.

Per informazioni clicca qui https://www.sabrinarossello.it/corso-pasta-fresca/ oppure scrivimi a info@sabrinarossello.it

Sabrina Rossello

Articoli dal Blog “Due chiacchiere in cucina” di Sabrina Rossello

Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Giostra Saracino

Cronaca

Attualità