Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:35 METEO:AREZZO12°22°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 13 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Lite tra Cacciari e Bocchino in diretta tv sulle Europee: «Ma vaffa...» e il filosofo abbandona lo studio

Elezioni 2020 mercoledì 09 settembre 2020 ore 11:35

​Centrosinistra, Ralli firma un Patto con le donne

Il candidato sindaco ha firmato un protocollo di iniziative in 14 punti sui servizi a famiglie, anziani e bambini. Livia Turco: "Modello da esportare"



AREZZO — Non un impegno generico ma la firma di un vero e proprio Patto. Lo ha sottoscritto Luciano Ralli con le donne democratiche e con le candidate delle liste della coalizione che lo sostengono nella sua corsa a Palazzo Cavallo ( Pd, Arezzo2020, CuriAmo Arezzo, Arezzocista! e Lista Ralli). All’iniziativa all’Arena Eden, ha partecipato Livia Turco, Presidente della Fondazione Nilde Jotti.

L'iniziativa è stata introdotta da Sandra Nocciolini a nome della Conferenza delle Donne Democratiche e sono intervenute le rappresentanti delle liste che sostengono Ralli: Donella Mattesini (Pd), Bruna Cantaluppi (Lista Ralli), Liletta Fornasari (CuriAmo Arezzo), Ilaria Mori (Arezzocista!), Gabriella Cecchi (Arezzo 2020). 

“Questa iniziativa è una vera e propria onda d'urto, un'onda d'urto e la proporrò come esempio per l'Italia”, ha commentato Livia Turco. Sono 14 i punti del programma che Luciano Ralli si è impegnato a realizzare con alcune novità: lo Sportello unico di accesso ai servizi, per le persone che hanno difficoltà con la pubblica amministrazione; l’Albo dei badanti che consenta alle famiglie poter scegliere personale qualificato; lo sviluppo della medicina di genere in collaborazione con la Asl.

Tra i punti del Patto, ci sono la valorizzazione dello Spazio Famiglia, servizio fondamentale per l'accoglienza e la presa in carico delle situazioni familiari di disagio con l’apertura di uno Sportello di consulenza pedagogica gratuita; il Centro antiviolenza con cui concordare progetti e servizi e per il reperimento di risorse; la Casa delle Culture “che il centrodestra ha cancellato per ricostruire un luogo di incontro, di socializzazione di servizio che ha generato integrazione tra le tante comunità etniche presenti in città, ma anche creato relazioni con tutta la comunità nel suo insieme”, hanno sottolineato le donne democratiche.

Un altro capitolo del patto è quello dedicato agli anziani e ai disabili, la cui cura è spesso affidata alle donne senza che abbiano adeguati sostegni. “Il Caregiver non ha ancora tutti i sostegni di cui ha bisogno e li deve avere perché rappresenta un elemento chiave del sistema sociale. E’ necessario un accordo tra Comune e privato sociale per sostenere gli anziani al limite della autosufficienza”.

Dagli anziani ai bambini: un “Patto per i diritti dei bambini e degli adolescenti” che prevede anche l’organizzazione di attività per sia per i bambini della scuola dell’infanzia prima e dopo il normale orario di apertura sia per gli alunni di elementari e medie


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno