Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:56 METEO:AREZZO16°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 20 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Politica venerdì 26 febbraio 2021 ore 14:00

Coingas: "Grave conflitto di interessi per Arezzo"

Il Pd attacca l'Amministrazione comunale dopo il mancato via libera dell'Assemblea alla costituzione a parte civile



AREZZO — L'assemblea di Coingas non ha raggiunto il quorum necessario, pertanto la società non si costituirà parte civile all'udienza preliminare che si terrà il 23 marzo.

Sulla decisione ha pesato il parere negativo espresso dal comune di Arezzo, socio di maggioranza relativa all'interno di Coingas, che ha trovato la spalla di Bibbiena che, invece, ha optato per l'astensione. 

Il Pd non ci sta e attacca frontalmente. Ruscelli parla di una vicenda condizionata da un  grave conflitto di interessi all'interno del Comune di Arezzo. "Praticamente non è stata assunta nessuna decisione. Questo, nonostante 21 Comuni della provincia di Arezzo, comprese alcune Amministrazioni di centrodestra e civiche (Cortona, Castiglion Fiorentino, Capolona ndr) avessero espresso parere favorevole alla costituzione a parte civile di Coingas. Il Comune di Arezzo deve spiegare ai cittadini, che sono i legittimi proprietari della società, perché ha deciso di non volerli tutelare".

Roberta Casini, sindaco di Lucignano, commenta sconcertata quanto accaduto in Assemblea. "Probabilmente il comune di Arezzo già da tempo aveva deciso per non aderire alla nostra richiesta. Questo nonostante il parere tecnico richiesto al legale, incaricato dallo stesso presidente Scortecci, che di fatto, ha confermato quanto da noi sostenuto e richiesto. Siamo garantisti e mi auguro che le persone coinvolte in questa vicenda possano uscirne al meglio. Di questo ne guadagnerebbe l'intero territorio aretino".

La mancata costituzione a parte civile in questa fase processuale impedisce a Coingas di poter richiedere eventuali danni a quei soggetti che, eventualmente, dovessero optare per riti alternativi a quello dibattimentale ( rito abbreviato ndr). 

Ginetta Menchetti, sindaco di Civitella, parla invece di "bassa politica da parte del comune di Arezzo" e sottolinea come questa posizione assunta denota una "mancanza di rispetto per i cittadini". Il sindaco, inoltre, sottolinea come il suo interesse fosse rivolto solo a garantire la società da eventuali sviluppi giudiziari mentre il capoluogo "ha trasformato la richiesta di costituzione a parte civile in una mera questione politica". Infine Menchetti stigmatizza anche il comportamento tenuto dal comune di Bibbiena che "si è astenuto senza fornire alcuna motivazione in merito".

Maria De Palma, sindaco di Marciano, sottolinea come una decisione favorevole avrebbe rappresentato un'opportunità per tutti i cittadini e domanda agli amministratori del comune  di Arezzo perché abbiano voluto richiedere un parere da parte di un legale, che ha emesso regolare parcella, per poi non tenerne conto.

Infine Jacopo Franci, vicesindaco di Foiano, ha evidenziato come in una partecipata una decisione così importante sia stata presa solo per volontà di un singolo azionista.

Insomma, quella di Coingas si conferma una vicenda spigolosa, fatta di mille sfaccettature e che alimenterà a lungo il confronto politico aretino.

Francesco Ruscelli sulla mancata costituzione parte civile nel processo Coingas
Roberta Casini sulla mancata costituzione parte civile nel processo Coingas
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dal 16 aprile ad oggi 4 contagiati da "Inglese" e 6 da "Brasiliana". Qui ancora il dato più alto della Sud Est. Il totale arriva a 233
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Sport

Attualità