Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:32 METEO:AREZZO14°29°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 25 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma-Feyenoord, esplode l'Arena Kombëtare al gol di Zaniolo

Attualità lunedì 17 gennaio 2022 ore 14:35

Ecco il nuovo volto di Arezzo entro il 2026

Pnrr: arrivano 19 milioni di euro. Piazza Giotto e Saione cambiano look. Altri 7 km di ciclabili. Ascensore o scale mobili al Gioco del Pallone



AREZZO — "E' sicuramente una sfida importante, che ha dei tempi molto stretti, ma che voglio e vogliamo portare avanti perché disegnerà un nuovo volto di Arezzo e ci dà l'opportunità di aggiornare la nostra città in maniera più funzionale, sia per i cittadini che la vivono ogni giorno che per i turisti". Con queste parole l'assessore Alessandro Casi ha illustrato, nel dettaglio, come verranno impiegati i fondi del bando per la mobilità sostenibile e rigenerazione urbana, confluiti nei finanziamenti del Pnrr (che arrivano dall'Europa in funzione della ripartenza post pandemia). 

Si tratta di quasi 19 milioni di euro che vanno a supportare ben 21 progetti. L'affidamento lavori, che coincide con la data di stipulazione del contratto, deve essere entro il 30 settembre 2023 mentre dopo 6 mesi, quindi entro il 31 marzo 2024, l'avanzamento delle opere dovrà avere già raggiunto il 30%. Termine ultimo per la consegna è il 2026. Tra quattro anni sarà perciò completato il restyling di molti punti nevralgici della città.

Per prima cosa, va detto, che Arezzo punta per la maggior parte su progetti già pensati, che adesso hanno la possibilità quindi di vedere una consistente accelerata. 

Si parte dal completamento delle piste ciclabili, che raggiungeranno addirittura Case Nuove di Ceciliano interessando via Setteponti e via Fiorentina, con l'attraversamento con un sottopasso della rotonda del Magnifico. Il capoluogo ne avrà addirittura 7 km in più. Oltre al primo stralcio ce ne è anche un secondo tra il parco Ducci e la zona Montefalco, mentre un terzo riguarderà Tortaia e il collegamento con via Romana.

Ed eccoci ai maxi cantieri. Iniziamo, come spiegato nel dettaglio dallo stesso Casi, dall'area tra l'ex Bastenzetti, ossia l'attuale Casa dell'Energia, e Montefalco. Questo segmento cittadino sarà oggetto di un'importante rigenerazione urbana che ha come obiettivo la ricucitura tra il centro storico e la periferia, con significativi effetti anche sul tessuto sociale. "Idealmente abbiamo già previsto pure un passaggio da via Petrarca a via Baldaccio, senza attraversare la rotatoria. Mentre, nell'area verde tra via Rossellino e sempre via Baldaccio troverà sede una nuova piazza".

Tra i progetti di restyling c'è poi quello che riguarda l'area di San Clemente. "Il lotto 1 previsto per quest'anno riguarda la zona interna alle mura, quella dietro al palazzetto di San Lorentino, recentemente recuperato. Qui verrà realizzato uno spazio verde e verranno risistemate le mura anche con nuova illuminazione. Saranno ricreati passaggi pedonali e verranno ampliati i parcheggi. Verranno pure installate telecamere di videosorveglianza" ha proseguito.

"Il lotto 2, invece, conta sul rifacimento della palestra da basket che verrà demolita e ricostruita all'esterno delle mura. Come anche la sistemazione del Cas (Centro di aggregazione sociale), che ora è accanto alla palestra del Petrarca, e viene anche questo spostato fuori dalle mura". Ma dove troveranno casa? "L'idea prevalente è che la nuova realizzazione sia nello spazio verde esterno alla scuola Vasari e attualmente inutilizzato, appena fuori porta San Clemente, davanti al parco di via Emilia" ha spiegato Casi.

Ed eccoci al capitolo Cadorna. "Le palazzine delle scuole Cesalpino e Colonna vedranno il rifacimento delle facciate esterne e degli infissi. Poi, nel secondo segmento dei lavori è prevista anche la risistemazione di tutti gli spazi interni. Abbiamo inserito, tra l'altro, pure il rifacimento della scuola Cesalpino: il progetto prevede la demolizione e la ricostruzione ma con uno specifico bando per le scuole. Quindi, l'idea futura è ricreare, ex novo, lo stabile della Cesalpino. Mentre i locali della Cadorna a quel punto andranno ad un uso sociale, oltre che essere a disposizione degli uffici comunali, per assicurare una continuità dei servizi in quella zona".

Pure piazza Saione "sarà completamente riqualificata e non sarà più esterna rispetto all'asse della chiesa, ma sarà in funzione di questo edificio. Verrà quindi tolto il tratto di strada davanti alla chiesa e la piazza sarà in continuità con il sagrato. Resterà, comunque, la viabilità da via Trasimeno per andare in via Veneto e come quella di via Guelfa. Sarà quindi finalmente possibile vivere questa piazza come luogo di ritrovo sociale".

"Anche per piazza Giotto è previsto un importante intervento di riqualificazione, in quella che è sempre stata la zona moderna della città. Da qui l'architettura sarà del nuovo millennio" ha assicurato ancora Casi.

Infine, la Biblioteca comunale Città di Arezzo verrà adeguata alla normativa antincendio, mentre l'ultimo progetto, ma non per importanza, riguarda l'area del Gioco del Pallone. "Vorrei fosse utilizzata per portare avanti l'accesso alla parte alta di tutta la città. E' prevista la sistemazione con un'area verde e la viabilità sarà rivista. Oltre che prevedere la riqualificazione completa delle mura. Non saranno privilegiati solo i parcheggi, come pensato negli anni scorsi, ma intendiamo piuttosto alla realizzare una scala mobile o un ascensore dalle mura della piazzetta di Colcitrone" ha concluso l'assessore, pronto a rimboccarsi le mani.

Claudia Martini
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Il nuovo volto di Arezzo con i fondi del Pnrr - Assessore Casi
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il fendente recuperato da un cittadino durante una passeggiata. Adesso è in custodia dal sindaco. Carabinieri e soprintendenza sveleranno il mistero
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Attualità