Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO11°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 26 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Massimo Bernardini lascia 'Tv Talk', il saluto e l'addio commosso: «Devo andare, mia moglie mi aspetta»

Sport mercoledì 17 marzo 2021 ore 17:01

Arezzo espugna Fano, tre punti d'oro per sognare

Gli amaranto giocano un bel primo tempo, passano in vantaggio e poi si chiudono in difesa. Il grande cuore amaranto fa il resto. Vittoria cruciale



FANO — Serviva una vittoria, tutti lo sapevano ma nessuno osava dirlo. L'Arezzo torna in corsa per la salvezza e lo fa affossando una diretta concorrente

La partita vede l'Arezzo dominare nel primo tempo. Colpisce un palo, segna la rete partita e poi si difende con i denti nella ripresa. 

La difesa, oggi non perfetta, ha retto l'urto degli avversari che hanno sprecato tre palle gol clamorose. Insomma, una volta tanto la sorte ha sorriso all'Arezzo, che ha dimostrato in campo di voler più del Fano l'intera posta.

La gara è stata brutta. Tanta la tensione che i giocatori hanno riversato sul terreno di gioco. Queste sono partite chiave in una stagione ed il risultato assume un valore ancor più importante dei 3 punti.

Il primo grande caldo e un campo non all'altezza della categoria hanno fatto il resto. L'Arezzo dimostra ancora una volta di aver acquisito una buona fase difensiva.  Questo nonostante la giornata "storta" di Pinna e di Luciani, che hanno concesso troppo agli avversari. Cherubin e Sbraga sono stati perfetti. Bravi a coprire e a prendere fallo quando serviva.
Arini, finché ha avuto benzina sulle gambe, è stato un gladiatore. Il campo era piccolo e lui si faceva trovare da tutte le parti.
Giornata da segnare sul calendario per i detrattori di Di Paolantonio. Oggi il "faro" amaranto non ha brillato, ma questo anche perché era costantemente accerchiato da almeno tre giocatori avversari. Sfortunato Serrotti che, partito bene, ha dovuto lasciare il posto per un leggero risentimento muscolare ad un impalpabile Benucci.

Oggi la palma del migliore in campo spetta a Piu. Un gigante in tutti i sensi. Ha corso, lottato, tenuto lontano dalla "zona calda" la palla e conquistato tante punizioni. 
Ottima la prestazione anche di Perez, che ha lavorato tanto per la squadra proponendosi sempre e cercando di far rifiatare i compagni.

Cutolo è il capitano e questo dice tutto. Carica la squadra, disputa una gara magistrale, colpisce un palo e la porta alla vittoria grazie ad un rigore battuto in modo impeccabile. Quando ha la palla lui gli avversari tremano: è imprevedibile. Calcia da tutte le parti ed in un paio di occasioni sfiora anche il raddoppio con fendenti a fil di palo. Cutolo dedica il gol a Vanacore, tecnico della Cavese e suo ex compagno di squadra morto in seguito a complicazioni dovute al Covid.

Infine mister Stellone. Da quando è arrivato lui la squadra ha assunto una chiara fisionomia ed identità. Ha creato un'ossatura portante attorno alla quale fa ruotare giocatori freschi ed in forma. Tecnico capace di mettere in campo la squadra migliore è bravo anche a leggere la partita.

Un cenno, e non solo, va fatto al grande cuore amaranto. Questi giocatori hanno lottato fino al 95' senza cedere di un centimetro.
In questo modo arrivano i risultati, così ciò che era impossibile un mese fa diventa a portata di mano.

Sei punti in due partite. E domenica arriva l'Imolese, a buon intenditor poche parole.

Andrea Duranti
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Mister Stellone al termine di Fano-Arezzo 0-1
Nello Cutolo al termine di Fano-Arezzo 0-1
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno