QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
AREZZO
Oggi 17° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 18 febbraio 2020

Attualità mercoledì 22 gennaio 2020 ore 12:10

"Ghinelli, la solitudine degli (ex) numeri primi"

Luciano Ralli

Dopo il consiglio comunale in cui il sindaco ha spiegato le sue ragioni nella vicenda Coingas, interviene il capogruppo del Pd Ralli



AREZZO — "La concitazione del dibattito in Consiglio comunale ha forse fatto sottovalutare le dichiarazioni del sindaco Ghinelli sul caso Multiservizi". Con questa frase inizia il comunicato del capogruppo del Pd in Consiglio comunale Luciano Ralli a commento del lungo intervento del primo cittadino sulla vinceda Coingas (vedi qui sotto gli articoli collegati).

"Proviamo a riepilogare - scrive ancora Ralli - Dice il Sindaco: “le inchieste che riguardano Lorenzo Roggi, Roberto Bardelli e Luca Amendola non mi toccano affatto”. Nessun consigliere ha mosso rilievi penali. Ci siamo solo chiesti perché una riunione oggetto di un’inchiesta penale si sia svolta alla sua presenza, nel suo ufficio e senza alcun suo intervento censorio. Se quello che leggiamo è vero, si stava narrando un possibile reato. Un sindaco, pubblico ufficiale, doveva tacere?".

"Dice il sindaco, riferendosi a Bardelli: “è vero gli diedi udienza, cercai di capire ma ben poco riuscì a comprendere” - prosegue la nota di Ralli - Ma davvero? Era così difficile? E se fosse vero, Arezzo ha un Sindaco che non riesce a comprendere uno dei consiglieri a lui più vicini?".

"Dice il Sindaco: “mi conoscete, sono una persona trasparente che le cose non le manda a dire“ - si legge ancora nel comunicato del capogruppo del Pd - Non le manda a dire e nemmeno le dice. Rinnoviamo la domanda senza risposta: la sua linea difensiva, dal punto di vista politico, di fronte a quanto accaduto nel suo ufficio è che lei non ha compreso? Dinanzi alla richiesta di chiarimento solo l’aggressività verbale: “state barbaramente strumentalizzando stralci di registrazioni e intercettazioni solo per fini di carattere politico e di campagna elettorale“. E velate minacce: “oggi tocca al sottoscritto rispondere in questa sede non di fatti ma di chiacchiere ma domani potrebbe toccare a voi”.

"E la conclusione è degna di un proclama da trincea: “non ci toglierete di mezzo in questo modo perché non è giusto per noi e per nemmeno per voi” - conclude la nota di Ralli - Sindaco, cosa sia giusto per noi, lo decidiamo noi e anche il “voi” è fuor di luogo. Noi stiamo chiedendo chiarimenti a lei e non ad un generico “voi”. Rifletta sul totale (fatta un’unica eccezione) silenzio dei suoi alleati. Forse anche loro cominciano a riflettere che lei è lei e loro sono loro. Oggi è lecito domandarsi quale sia la credibilità istituzionale della figura del Sindaco di Arezzo. Lo era prima del Consiglio comunale, lo è ancora di più dopo".



Tag

Coronavirus, Spallanzani: «Niccolò sempre sereno e di ottimo umore»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca