Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:04 METEO:AREZZO11°20°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 21 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Sorrentino: «Parthenope? Il miracolo della giovinezza»

Attualità mercoledì 22 ottobre 2014 ore 19:01

Bulimia da videogame, se ne parla a scuola

Videogame e il gioco online fra i "sorvegliati speciali" che saranno al centro di un ciclo di incontri promosso dal Comune e dalla Asl nelle scuole



AREZZO — “Negli ultimi anni – ha commentato l’assessore alle politiche educative, Barbara Bennati - stiamo assistendo, con la massiccia diffusione delle tecnologie digitali, a profondi cambiamenti antropologici che, se da una parte, permettono l’accesso ad universi di conoscenza e di esperienza affascinanti, dall’altra hanno già modificato, soprattutto nei bambini e negli adolescenti di oggi, il registro delle possibilità mentali e sensoriali e le modalità di sentire il rapporto con sé stessi e con gli altri”.

La relazione interpersonale faccia-a-faccia sembra lasciare il passo a forme di tecnomediazione che gli adolescenti sembrano gradire di più in molte forme di rapporto. 
“Proprie perché cariche di fascino – ha sottolineato Marco Becattini del Dipartimento Dipendenze della Asl 8 - queste possibilità devono indurci a creare occasioni di confronto sia con i ragazzi che con gli adulti per aiutare i primi, a riflettere criticamente circa gli effetti delle nuove tecnologie sulla vita psichica e relazionale e gli altri perché, i cosidettti "nativi digitali", ben più competenti dei loro genitori ed insegnanti nel costruire comunità tecnoreferenziate di coetanei dotate di tecnologie e saperi propri, sembrano non avere più bisogno di adulti e pongono in realtà una nuova emergenza educativa”.

In collaborazione con le scuole, Comune e Asl 8 organizzeranno incontri con i consigli di classe e con i rappresentanti dei genitori per condividere il progetto. Si prevedono, quindi, corsi di formazione per adulti sul tema della comunicazione tra adulti e figli nell’ambito delle dipendenze. Ogni corso comprende un gruppo di 20 persone e si svolge in 4-5 incontri di due ore ciascuno. Inoltre un ciclo di incontri nelle terze classi per approfondire i problemi delle dipendenze in generale di quelle digitali in particolare.
I temi: cyberbullismo, sexting, grooming, privacy, pedopornografia, siti pro-anoressia e bulimia, dipendenza dal gioco online, videogiochi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno