Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:59 METEO:AREZZO18°32°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 19 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, Emanuela Folliero rapinata mentre era con la madre 96enne: «Quale sicurezza? Qui non si può andare in giro»

Attualità sabato 03 giugno 2017 ore 20:00

La povertà e i "non-luoghi" di Arezzo in mostra

Gallorini: «Il percorso ha la particolarità di parlare di politica utilizzando un linguaggio nuovo come la fotografia e il manifesto pubblicitario»



AREZZO — La povertà e i luoghi abbandonati di Arezzo sono raccontati in un percorso fotografico diffuso per tutta la città. Dieci immagini, tratte da un reportage ben più ampio dal titolo "Vite Sparse" curato dalgiovane fotografo Massimo Soletti, saranno in mostra come manifesti da lunedì 5 giugno in trenta luoghi cittadini, configurando un'inedita forma di narrazione e di documentazione in cui sarà possibile imbattersi semplicemente passeggiando o guidando per Arezzo. Il progetto avrà infatti la particolarità di non essere limitato tra quattro mura ma di svilupparsi attraverso spazi tradizionalmente votati alla pubblicità, rendendoliun più nobile strumento per lanciare un messaggio sociale e politico attraverso immagini affisse dal centro cittadino (via Michelangelo e via Leone Leoni) alle periferie.

L'iniziativa, sostenuta dai Popolari per Arezzo, attinge da un precedente lavoro di Soletti che ha deciso di percorrere il territorio comunale per documentarne le aree abbandonate e degradate che custodiscono e raccontano storie di emarginazione e di disagio. Le immagini tenteranno di condurre lo spettatore attraverso i luoghi abitati dai senza fissa dimora, le loro condizioni e i loro contesti, ripercorrendo anche i cosiddetti "non-luoghi" aretini, cioè alcuni dei tanti edifici abbandonati che oggi hanno perso il loro impiego e la loro destinazione di origine.

«La modalità di esposizione di queste immagini, alcune dirette e altre simboliche, vuole affrontare un importante tema sociale in maniera non convenzionale - commenta Soletti. - Le fotografie non hanno come soggetto la figura umana ma le condizioni delle vite di molte persone e i luoghi della città in stato di abbandono».

Il progetto di Soletti ha trovato l'appoggio dei Popolari per Arezzo che, da sempre attenti alle problematiche sociali, hanno deciso di sostenere e accompagnare "Vite sparse". Il tema della mostra, infatti, è ritenuto in linea con questioni politiche cittadine all'ordine del giorno, come la chiusura del dormitorio per senza tetto o la necessità di recuperare alcune aree cittadine come quella della ex Lebole.

«Il percorso - commenta il presidente Andrea Gallorini, - ha la particolarità di parlare di politica utilizzando un linguaggio nuovo come la fotografia e un canale inedito come il manifesto pubblicitario che diventano strumenti per invitare ad una seria e rinnovata riflessione su alcune problematiche sociali che interessano la città».


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno