Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:47 METEO:AREZZO19°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 17 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Morti Covid: dove mettere il miliardo di euro in pensioni che l'Inps risparmia ogni anno

Sport domenica 18 aprile 2021 ore 17:15

L'Arezzo resta in gioco all'ultimo tuffo

A Legnago il Cavallino "trampella" ma viene salvato da Di Grazia e dal grande cuore amaranto. Un punto d'oro che lascia accesa la speranza



LEGNAGO — Una partita che verrà ricordata nel tempo. Sì, perché l'Arezzo a Legnago ha visto spalancarsi le porte dell'inferno della Serie D per poi essere ripreso per i capelli, all'ultimo tuffo, da Di Grazia.

Una partita che ha dell'incredibile per come è finita. L'arbitro è andato ben oltre il recupero concesso e così l'Arezzo ne ha approfittato pareggiando una partita ormai persa.

Ad onor del vero il direttore di gara doveva farsi perdonare qualcosa. L''azione che ha permesso ai padroni di casa di passare in vantaggio poteva anche essere fermata. Rolfini del Legnago è rientrato in campo dopo un infortunio senza la necessaria autorizzazione da parte dell'arbitro, ma con l'ok frettoloso del quarto uomo, ed ha "uccellato" Cherubin che si è fatto portare via una palla velenosa trasformata in gol da Bulevardi.

L'Arezzo visto a Legnago è onestamente poca cosa. A livello tecnico c'è stata una netta involuzione rispetto a domenica scorsa e la squadra ha evidenziato troppo nervosismo e preoccupazione. Ciò che ha salvato questo Arezzo è stato solo il grande cuore amaranto. I ragazzi di Stellone non si sono persi d'animo e ci hanno provato fino all'ultimo. Una grande prestazione dal punto di vista dell'orgoglio

La palma del migliore in campo va al portiere del Legnago. L'estremo difensore ha compiuto almeno tre parate decisive. Nel primo tempo si è salvato d'istinto per ben due volte su Carletti e nella ripresa è andato a togliere, da sotto l'incrocio dei pali, una palla deliziosa su punizione calciata da Di Grazia.

Il "funambolo" amaranto è stato l'uomo del match, imprendibile sulla fascia è stato più volte raddoppiato ed ha avuto poche occasioni per inventare. Ma quando serve, lui c'è e all'ultimo secondo ha insaccato di testa la rete che vale una fetta di stagione. Provvidenziale.

"Condor" Carletti non ha replicato la partita "devastante" di domenica scorsa ma si fa trovare sempre pronto in area di rigore. Non ha segnato perché ha trovato davanti un portiere che ha parato anche i moscerini ma la sua determinazione e convinzione cresce di partita in partita.

Arini è un giocatore fuori concorso. Dire che è il più bravo degli amaranto ormai è ripetitivo. Anche nelle giornate come oggi, costretto a reggere da solo il centrocampo per evidente "latitanza" dei sui compagni di reparto (leggi Altobelli e Benucci), vende cara la pelle e corre su tutti i palloni. Un guerriero

Cutolo è il capitano e ci mette esperienza, forza, coraggio e tanto cuore. Non si arrende nemmeno quando sembra tutto finito e dà la carica ai suoi compagni. Ci prova con il destro e con il sinistro. Si mette a rincorrere gli avversari per conquistare palla e far ripartire l'azione. Semplicemente epico.

La difesa ha retto bene. Sbraga è un vero leader mentre Cherubin una delusione. Sì, perché non è possibile che un marcantonio come lui, che ha calcato palcoscenici importanti, chieda la sostituzione per uno scontro areo dove ha rimediato una gomitata. Tecnicamente è bravo ma gioca con il terrore negli occhi e pecca in personalità

Buona anche la prestazione di Pinna. Confusionario, arruffone ma tanta grinta e carattere.

Stellone schiera una squadra ben equilibrata ma viene tradito dai suoi "fedelissimi", Maggioni e soprattutto Altobelli che oggi proprio non l'ha mai presa.

Insomma, l'Arezzo strappa un punto a Legnano, tiene la quintultima a distanza di relativa sicurezza e si prepara ad affrontare le ultime due partite della stagione regolare con il coltello tra i denti.

Mister Stellone al termine di Legnago-Arezzo 1-1
Andrea Di Grazia al termine di Legnago-Arezzo 1-1
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Positivi riscontrati in 10 Comuni del territorio. Nessun caso in Casentino. Cala il numero dei ricoverati al "San Donato"
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità