Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO12°26°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 13 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Medioriente, nave attaccata vicino a Stretto di Hormuz: sospetti sull'Iran

Sport domenica 21 gennaio 2024 ore 17:31

Si ferma l’Arezzo, condannato dagli episodi

Il Pescara di Zeman espunga il comunale 2-1. Le reti tutte nel primo tempo. In svantaggio su rigore dopo 10’ di Gaddini il momentaneo pareggio



AREZZO — AREZZO - PESCARA 1 - 2 (1-2)

13’ Merola, 29’ Gaddini, 34’ Di Pasquale

Si ferma la striscia positiva dell’Arezzo ma la prestazione dal punto di vista del gioco e del carattere messo in campo dagli uomini di Paolo Indiani avrebbe meritato il pareggio. Cade per la prima volta in casa contro il Pescara la squadra amaranto. Il risultato finale si decide tutto nella prima frazione di gioco. Un rigore di Merola al 13’ sblocca la partita, Gaddini alla mezz’ora ristabilisce il pari ma un colpo di testa di Di Pasquale regala tre punti agli abruzzesi.

Nel secondo tempo molte le interruzioni di gioco e ribaltamenti di fronte che seguendo le filosofie dei due allenatori votati all’attacco non si sono risparmiati per tutta la gara. 
L’Arezzo questa sera ha dimostrato di essere una squadra capace di giocare ad armi pari contro tutti gli avversari e che si puo togliere delle belle soddisfazioni da qui alla fine della stagione. 


Prepartita

Due squadre votate all’attacco dove gli allenatori prediligono il bel gioco. Arezzo - Pescara è anche la sfida tra Paolo Indiani e Zdenek Zeman autentici filosofi del calcio offensivo. All’andata finì con una vittoria per la squadra di Zemanlandia per 3-2 piena di colpi di scena, dal doppio vantaggio degli abruzzesi fino alla rimonta della squadra amaranto per poi cedere alla terza rete di Cangiano.

La squadra di Zeman occupa la sesta posizione in classifica con 32 punti (tre in più dell’Arezzo) è reduce da due sconfitte contro la Juventus NG e il Perugia sicuramente troppo pesanti pr quanto espresso in campo.

L’Arezzo dal derby contro il Perugia ha cambiato passo, tre vittorie e un pareggio nelle ultime quattro gare, mentalità e carattere a dimostrazione che la crescita della rosa neopromossa dalla D alla C è arrivata.

La gara di oggi per la squadra amaranto è un ulteriore step per giocatori e società.

Per il momento la finestra di mercato ha aggiunto alla rosa due ottimi innesti come Catanese e Donati ma Giovannini e Cutolo potrebbero regalare ancora qualcosa a Indiani.

A sorpresa manca Chiosa al centro della difesa fermo a titolo precauzionale, esordio per Donati dal primo minuto. Il reparto offensivo assente Gucci è composto da Pattarello, Guccione, Gaddini e Iori come falso nove.

Esordio anche per la mascotte “Alò” che da questa gara sarà a bordo campo.

Primo tempo

Nelle prime fasi di gioco è il Pescara a tenere palla cercando di mettere in difficoltà la retroguardia amaranto che in un paio di disimpegni ha rischiato.

Rigore Pescara. La squadra amaranto si fa sorprendere da un passaggio filtrante di Squizzato per Vergani, la punta entra in area Masetti in scivolata sposta la palla ma tocca anche il giocatore che cade a terra. Per il direttore di gara non ci sono dubbi e indica il rigore. Dal dischetto Merola, palla nell’angolo alla destra di Trombini che intuisce ma non ci arriva.

L'Arezzo non subisce lo svantaggio ma reagisce subito alla rete subita. La manovra amaranto sposta il gioco nella metà campo avversaria. Al 20’ Gaddini per Guccione che scarica su Pattarello, il suo diagonale esce di pochissimo alla destra del portiere.

È ancora Arezzo al 26’ con Gaddini lanciato sulla fascia sinistra mette in mezzo per Guccione ma Plizzari esce in tuffo e blocca a terra anticipando la punta amaranto.

Gol Arezzo. Gaddini pareggia al 29’. Bianchi lancia sulla fascia Donati che salta l’uomo e mette in mezzo dove il numero 11 raccoglie e piazza un diagonale perfetto che supera Plizzari.

Gol Pescara e di nuovo avanti al 34’. Calcio d’angolo e stacco perfetto in area per Di Pasquale, il difensore insacca nell'angolo alto alla destra del portiere.

Trombini al 43’ si supera su tiro ravvicinato di Cuppone servito in area con un tocco bel tocco del compagno di squadra, il portiere amaranto salva.

Si chiude la prima frazione di gioco con il Pescara avanti per 2-1.

Secondo tempo

Si riparte con il Pescara che sfiora il gol con Merola. Il numero 10 bianco azzurro colpisce di testa su corner il pallone fuori a fil di palo.

Minuto 49’, Mawuli lancia per Guccione che fa scorrere la palla per Pattarello, il 10 amaranto entra in area contrastato dal difensore, la punta cade a terra, per il pubblico è rigore ma non per l’arbitro.

Ancora Merola dal limite calcia rasoterra dove Tombini in tuffo devia in angolo.

Ci prova Gaddini al 61’ a cercare la porta dal limite dell’area ma Plizzari blocca in tuffo senza problemi.

Doppio cambio al 63’ per Indiani che manda in campo Foglia e Catanese al posto di Bianchi e Gaddini.

Continui ribaltamenti di fronte aprono ampi spazi per le punte delle due squadre che non riescono a finalizzare.

Ultimo quarto d’ora di gara, Indiani manda in campo Castiglia e Polvani al posto di Guccione e Risaliti.

Doppio miracolo al 79’ di Plizzari che salva la porta del Pescara prima su colpo di testa di Donati toglie la palla del set della porta e sul calcio d’angolo blocca su Mawuli.

Ultimi minuti di gioco con molte interruzioni, i giocatori del Pescara cercano di far scorrere il cronometro.

L’ultimo brivido nel recupero lo crea Pattarello in area batte a rete ma non trova la porta.

Dopo 8’ di recupero si chiude il match con il Pescara che batte l’Arezzo 2-1.

Il Tabellino

AREZZO (4-2-3-1): 1 Trombini; 3 Donati, 4 Risaliti (74’ 6 Polvani), 25 Masetti (88’ 8 Settembrini), 2 Montini; 5 Bianchi (63’ 24 Foglia), 16 Mawuli; 19 Iori, 7 Guccione (74’ 22 Castiglia), 11 Gaddini (63’ 20 Catanese), 10 Pattarello.

A disposizione: 22 Borra, 31 Landucci, 17 Lazzarini, 18 Damiani.

Allenatore: Paolo Indiani.

PESCARA (4-3-3): 22 Plizzari; 15 Floriani, 5 Di Pasquale, 13 Brosco, 27 Moruzzi (61’ 2 Milani), 33 Franchini, 6 Squizzato (71’ 17 Tunjov) 8 Aloi; 10 Merola, 9 Vergani (12’ 29 Cuppone), 32 Cangiano.

A disposizione: 1 Gasparini, 7 Masala, 18 Pierno, 24 Mesik, 25 Staver, 28 De Marco, 30 Dagasso, 41 Palumbo.

Allenatore: Zdenek Zeman

Arbitro: Francesco D’Eusanio di Faenza

Assistenti: Manuel Marchese di Pavia, Daniele Sbardella di Belluno.

Quarto ufficiale: Andrea Giordani di Aprilia

Reti: 13’ Merola, 29’ Gaddini, 34’ Di Pasquale

Note: spettatori 3.427, angolo 5-9

Ammoniti: 11’ Masetti, 18’ Moruzzi, 44’ Cupoone, 68’ Risaliti, 84’ Franchini, 85’ Cangiano, 86’ Pattarello

Recupero: pt. 2’, st. 6’


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno