Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:AREZZO10°25°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 26 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
100 anni fa nasceva Mike Bongiorno: il blob di alcune sue apparizioni in tv

Attualità mercoledì 28 ottobre 2020 ore 11:45

​Sport, cosa si può e non si può fare

Il Csi aretino chiarisce le regole anti-Covid disposte dal decreto del governo



AREZZO — Pillole di sport a prova di regole anti-Covid. Il Centro Sportivo Italiano di Arezzo aiuta gli appassionati e le società sportive a districarsi nei meandri del nuovo decreto varato dal governo che impatta - e non poco – sull’intero settore e la sua filiera. Il presidente Lorenzo Bernardini entra nel dettaglio per ricordare che “gli eventi e le competizioni degli sport individuali e di squadra, svolti in qualsiasi luogo, sia pubblico sia privato, restano consentiti solo nel caso in cui si tratti di eventi e competizioni riconosciuti di interesse nazionale nei settori professionistici e dilettantistici. Rispetto al precedente regime, sono sospese anche le manifestazioni sportive di interesse regionale”.

Stop a palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta eccezione per quelli con presidio sanitario obbligatorio o che effettuino l'erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza. Chiusi anche i centri culturali, i centri sociali e i centri ricreativi.

Su palestre e piscine, Bernardini precisa “che gli atleti professionisti e non degli sport individuali e di squadra, partecipanti alle competizioni di interesse nazionale, possono svolgere competizioni e allenamenti in queste strutture, purché avvengano a porte chiuse e nel rispetto dei protocolli emanati dalle rispettive federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate ed enti di promozione sportiva”.

Altro capitolo che necessita di lumi è quello dello “sport di contatto”. Il Csi aretino ricorda che restano consentite – sempre nel rispetto delle norme anti-Covid - le attività sportive e motorie di base non di contatto che si svolgono all'aperto presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati. 

Il Dpcm sospende non solo le gare e le competizioni ludico-amatoriali “ma anche tutte le altre attività connesse, praticate a livello dilettantistico di base, le scuole e l'attività formativa di avviamento. Sicché sono ricomprese nella generale sospensione anche le attività di allenamento svolte in forma individuale”. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno