Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:15 METEO:AREZZO18°36°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 24 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Autobomba a Mosca: in un video si vede un uomo che piazza l'ordigno sotto l'auto, poi l'esplosione
Autobomba a Mosca: in un video si vede un uomo che piazza l'ordigno sotto l'auto, poi l'esplosione

Attualità mercoledì 15 dicembre 2021 ore 14:40

A primavera Arezzo ancora set cinematografico

Da marzo a luglio i ciak della serie locale “Rumors”. Ideata, realizzata e girata da giovani con protagonisti i giovani: circa 600 adesioni



AREZZO — “Oltre Camera ma direi anche… oltre le aspettative. I numeri raggiunti dal progetto presentato a ottobre e finanziato dal bando Anci ‘Fermenti in Comune’ sono davvero importanti, dimostrano come l’amministrazione comunale abbia agito nella giusta direzione, diventano una risorsa preziosa per conoscere meglio l’universo giovanile sempre più protagonista”.

A commentare, con soddisfazione, è l’assessore Federico Scapecchi che annuncia il primo risultato raggiunto da “Rumors”, la serie tv ideata dall’associazione Farrago e che rappresenta la punta di diamante del progetto citato. Il numero delle adesioni è stato di circa 600 tra ragazze e ragazzi dai 15 ai 35 anni residenti ad Arezzo e non solo. Alcuni saranno parte integrante della troupe cinematografica che si occuperà della realizzazione della serie, altri saranno attori e attrici. 

Il cast ufficiale verrà rivelato poco prima dell’inizio delle riprese previsto a marzo 2022. La serie, diretta da Luca Bizzarri e Tommaso Caperdoni, sarà interamente ambientata ad Arezzo e vuole essere un teen-drama, con elementi thriller. Il progetto, oltre allo sviluppo dell’aspetto creativo e artistico per coloro che ne prenderanno parte, ha anche un valore sociale: il cinema indipendente può unire persone, creare legami e professionisti pronti al mondo del lavoro. I 600 si apprestano a seguire i corsi per imparare i segreti della produzione cinematografica tenuti dall’associazione Farrago, che opera da anni senza fini di lucro occupandosi di produzioni audiovisive.

“E allora: motore, azione! – prosegue Federico Scapecchi – da marzo a luglio del prossimo anno Arezzo sarà addobbata a set cinematografico. Rileggendo quanto dichiarato nella conferenza stampa di presentazione del progetto, mi scappa un sorriso: parlavamo infatti, come obiettivo plausibile, di 150 attori. Ricordo che il Comune di Arezzo co-finanzia ‘Rumors’ e mette a disposizione, in comodato d’uso gratuito, un immobile per la troupe. Servirà da quartier generale e set per le riprese. A conclusione dei ciak potremo vantare un prodotto che, grazie alla sua diffusione, diventerà innanzitutto veicolo di promozione. Ci troviamo di fronte a un esempio virtuoso di sinergia cittadina in cui il Comune si è posto nella condizione di capofila di svariati partner, privati e istituzionali”.

Tommaso Caperdoni, co-regista della serie: “con ‘Rumors’ proponiamo un modello di cinema fuori dall’industria, che parte dal basso e affonda le sue radici nel territorio. È l’unico modo per raccontare storie nuove, quelle di chi in Italia è una minoranza: noi giovani. Arezzo è una città dalla quale si scappa o nella quale si viene per invecchiare. E non è un pensiero soggettivo, lo rivelano le statistiche. Il fatto che abbiamo raccolto dei numeri che potrebbero benissimo comporre un istituto scolastico, ricordiamo che solo il 4% delle imprese italiane ha più di 600 addetti, dice molto sulla forza e la speranza dei giovani aretini, gli unici che possono invertire la rotta. Siamo emozionati e onorati. Porteremo a termine questa impresa tutti insieme”.

“L’idea – prosegue l’altro co-regista Luca Bizzarri – è quella di dare un nuovo volto ad Arezzo. La città ha un potenziale enorme, spesso inesplorato. Da quando è nata la Farrago ci siamo resi conto che basta trasmettere entusiasmo per sprigionare la potenza creativa di centinaia di studentesse e studenti. Con ‘Rumors’ non vogliamo solo far partecipare chi ha aderito una tantum: ci sono le carte in regola per creare un ambiente professionale e, soprattutto, professionalizzante, che aiuti le ragazze e i ragazzi a uscire dall’inconsapevolezza e dalla paura del futuro”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno