Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:39 METEO:AREZZO19°37°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 15 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Trump e quel «Combattete!»: il momento che cambia la campagna elettorale per tutti
Trump e quel «Combattete!»: il momento che cambia la campagna elettorale per tutti

Attualità giovedì 02 febbraio 2023 ore 19:05

Ad Arezzo nuovo mammografo scova mini tumori

Macchinario acquistato con i fondi Pnrr per la Senologia. Ogni anno in provincia diagnosticati 350 cancri al seno, l'importanza della prevenzione



AREZZO — La Senologia del San Donato di Arezzo può contare su un nuovo mammografo. La macchina, acquistata con i fondi del Pnrr, andrà a sostituire una delle strumentazioni diagnostiche in uso al reparto. La nuova strumentazione, grazie alle sue caratteristiche, consente di effettuare esami in alta definizione con studio di dettaglio millimetrico in grado di rilevare con accuratezza anche i tumori al seno di piccola dimensione. 

Intanto, gli screening per la prevenzione del tumore al seno sono tornati a regime recuperando gli esami non effettuati durante il periodo pandemico. "L'attività di prevenzione secondaria rivolta a donne asintomatiche, con lo screening mammografico, consente la diagnosi precoce che permette di ridurre la mortalità per tumore al seno del 30 per cento – spiega il dottor Giovanni Angiolucci, responsabile UOSD Diagnostica Senologica San Donato Arezzo - Dobbiamo pensare alle tre A: la prima è quella dell'Autoesame del seno da effettuare nell’intervallo tra due test di screening, la seconda è l’Adesione allo screening mammografico e la terza Appropriatezza nel richiedere gli esami diagnostici". 

"L'adesione allo screening mammografico, e quindi la diagnosi precoce – prosegue - consente di rilevare la presenza di un eventuale tumore quando ancora questo è in fase non avanzata e intervenire precocemente con il trattamento medico o chirurgico".

"Nella nostra provincia ogni anno vengono diagnosticati 350 tumori al seno, in media quasi uno al giorno - spiega Simonetta Magnanini responsabile UOS Oncologia senologica San Donato – L'aumento dei tumori in genere è in continua crescita a livello mondiale. Gli stili di vita incidono nell'esordio dei tumori e uno stile di vita corretto permette di ridurne l'incidenza del 40%. Fumo, alcol, alimentazione, sedentarietà e obesità sono tutti fattori di rischio. Ormai l'incidenza di tumori al seno, considerata massima fra i 50 e i 69 anni, sta interessando anche donne più giovani e in questo incidono sicuramente gli stili di vita. Su base regionale e nazionale la sopravvivenza a 5 anni dall'intervento per tumore alla mammella è intorno al 90%". 

"Importante – termina Magnanini – è l'approccio multidisciplinare per disegnare il percorso ottimale nella cura. È la presenza di più figure professionali a salvare la persona dal tumore e non solo il chirurgo. Il Gom, il Gruppo oncologico multidisciplinare, si riunisce appositamente per individuare la terapia più adeguata ad ogni singolo paziente".

Un mammografo con le stesse caratteristiche è stato installato anche all'ospedale di Sansepolcro mentre nel prossimo mese altri due dello stesso tipo andranno all'ospedale della Fratta in Valdichiana e in Valdarno all'ospedale della Gruccia.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno