Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:AREZZO15°24°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 24 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La gaffe di Sangiuliano: «Colombo si basò sulle teorie di Galileo Galilei» (ma non era nato)
La gaffe di Sangiuliano: «Colombo si basò sulle teorie di Galileo Galilei» (ma non era nato)

Attualità martedì 22 giugno 2021 ore 13:34

Arca di Luce che esalta l'arte sacra della città

Un itinerario storico-artistico-religioso tra Duomo e Palazzo Vescovile. Monsignor Fontana: "Un modo per stare ancora più vicino alla gente"



AREZZO — Un percorso storico-artistico-religioso che unisce il Duomo al Palazzo Vescovile. Questa mattina, alla presenza del neo presidente nazionale delle Misericordie, Domenico Giani, è stato illustrato un nuovo itinerario culturale che rende fruibile al visitatore tutte le immense bellezze custodite nei due luoghi simbolo della religione ad Arezzo.

Grazie ad "Opera Laboratori di Siena", azienda che lavora nell'abito dei beni culturali con particolare attenzione verso quelli ecclesiastici, sarà possibile usufruire di un unico pass per visitare la Cattedrale e il Museo Diocesano. Ma non solo. E' stata realizzata un'audio-guida che consente di muoversi in autonomia all'interno del percorso artistico ulteriormente ampliato. 

E' lo stesso Arcivescovo Fontana che sottolinea come la maestosità del Palazzo Vescovile, composto da ben 100 stanze, sia un bene che non deve rallegrare gli occhi dei pochi bensì deve essere ammirato dai tanti aretini e turisti che intendono visitarlo. "Fra le più nobili attività dell'ingegno umano sono annoverate, a pieno diritto, le belle arti, soprattutto l'arte religiosa e il suo vertice l'arte sacra" - questa è la frase citata da Monsignor Riccardo Fontana per annunciare che la diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro riapre con rinnovata vigoria i Musei diocesani arricchiti da nuovi percorsi.

Tra le opere di rilievo in Cattedrrale ci sono, tra gli altri, il magnifico ciclo di vetrate di Guillaume de Marcillat, eseguite tra il 1516 e 1524. Ma anche la Cappella della Madonna del Conforto, l'affresco di Piero della Francesca con la solenne figura di Maria Maddalena. A Palazzo Vescovile, invece, è possibile ammirare gli affreschi di Teofilo Torri, opere del Vasari, di Luca Signorelli, la Quadreria, manoscritti, sculture e la suggestiva Camera dei Papi.

Insomma, un percorso straordinario che dona nuova luce al visitatore.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno