Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:50 METEO:AREZZO14°24°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 20 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Lutto nazionale e poteri a interim a Mokhber: il messaggio di Khamenei per la morte di Raisi

STOP DEGRADO mercoledì 15 settembre 2021 ore 09:31

Asfalto a pezzi nei parcheggi di Poggio del Sole

Le radici dei pini che costeggiano la strada che sale verso la Prefettura hanno ormai pesantemente deformato il manto stradale dove sostano le auto



AREZZO — Il pino è un albero bello ed ornamentale, non a caso è stato utilizzato un po' in tutta Italia lungo strade e viali: oltre a fornire abbondante ombra grazie alla sua ampia e folta chioma, è anche molto bello da vedere, sia per la conformazione della pianta, sia per la bella corteccia variegata che ricopre l'intero tronco. Ed è un sempreverde, quindi ha lo stesso aspetto per tutto l'anno.

Ha però due evidenti controindicazioni, che nel corso degli anni hanno creato più di un problema, ovunque sia stato utilizzato: la prima è la lunghezza e dimensione dei rami, che possono spezzarsi e precipitare su cose e persone quando capitano forti temporali e giornate di vento particolarmente forte, la cronaca è piena di episodi del genere; la seconda sono le sue radici, che per loro stessa natura tendono a rimanere in superficie.

Il pino è infatti una pianta che non vede scendere in profondità la struttura radicale, che tende a svilupparsi subito sotto la superficie del terreno e ad allargarsi in ampiezza. Come la chioma dell'albero del resto, larga e quasi 'piatta' a vedersi, un po' come un grande ombrello naturale. Lo sviluppo delle radici le porta però ad uscire anche dal terreno. Lungo le strade questo comporta la deformazione e distruzione dei manufatti dell'uomo, come l'asfalto della strada e dei marciapiedi, portandoli a un continuo e inarrestabile degrado.

Ad Arezzo sono molti i viali alberati fiancheggiati da pini. uno di questi è via Fra' Guittone, la strada che dall'inizio di via Petrarca sale fino a Poggio del Sole, costeggia la Prefettura e scende poi fino alla stazione ferroviaria in piazza della Repubblica. La carreggiata è a senso unico, con stalli per il parcheggio a pagamento su entrambi i lati. Quello esterno vede un intero filare di pini, che danno ombra alle auto, ma hanno ormai deformato in modo irrimediabile il manto stradale. Gli automobilisti sono spesso in difficoltà per entrare ed uscire dagli spazi preposti a parcheggio, da quanto sono ampie e 'importanti' le deformazioni prodotte dalle radici.

Le immagini di questa mattina, che per caso vedevano completamente sgombra l'intera corsia di stalli per il parcheggio, mostrano quanto sia generalizzata e grave la situazione, con la segnaletica orizzontale completamente deformata e l'asfalto del manto stradale 'rigonfiato' in più punti dalla crescita delle radici. 

Giulio Cirinei
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno