Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:36 METEO:AREZZO13°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 29 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Ecco i cani robot cinesi progettati per uccidere, il video sembra un film di fantascienza

Sport sabato 19 dicembre 2020 ore 13:00

Camplone conferma la difesa a tre per Pesaro

“La squadra ha più sicurezza con questo modulo. Fano squadra veloce e aggressiva, dovremo stare concentrati e sfruttare gli spazi che concederanno”



AREZZO — E' andata in scena poco fa la consueta conferenza stampa virtuale di mister Andrea Camplone, alla vigilia dell'ennesimo scontro diretto, in casa della Vis Pesaro. Per la partita di domani al “Benelli”, l'allenatore ha confermato lo schieramento a tre della linea difensiva: “La squadra si sente più sicura con questo modulo del reparto arretrato, piuttosto con giocando a quattro come abbiamo fatto per molte partite”. Nel corso dell'allenamento di rifinitura di questa mattina però, si è fermato nuovamente Cherubin, che non sarà quindi disponibile per Pesaro, dove giocheranno quasi sicuramente Kodr, Borghini e Baldan.

Un altro quesito sulla formazione che scenderà in campo, riguarda i due uomini che sono risultati decisivi per riagguantare il risultato con il Fano: “Cutolo e Di Paolantonio sono rimasti fuori perché stiamo giocando ogni tre giorni da un mese, ci servono le rotazioni per non rischiare di perdere qualcuno per strada, visto che non possiamo mai riposare ed impostare il lavoro in modo normale, con una settimana tipo”.

Il tecnico ha voluto spendere qualche parola anche per le rotazioni del reparto avanzato. L'infortunio di Pesenti ha infatti tolto una freccia dall'arco di Camplone, che come centravanti può adesso schierare Di Nardo o Zuppel. Nell'ultima partita è stato preferito il primo, a scapito del suo giovane compagno, che lo staff sta cercando di far giocare più possibile, a differenza di quanto non succedesse nella prima parte di stagione, in cui l'attaccante classe 2002 aveva collezionato pochi minuti di presenza.

Infine, l'allenatore amaranto ha spiegato come ritenga molto positiva la prestazione della squadra contro il Fano. E' vero, l'Arezzo è stato poco pericoloso in zona gol, ma ha giocato tanto, costruito tanto e in molte fasi della partita si è giocato praticamente ad una porta sola, con Sala spettatore non pagante. “Stiamo ancora pagando questo calendario infernale e non possiamo essere quelli che dominano in mezzo al campo dall'inizio alla fine della partita. In questa fase dobbiamo limitare i danni, perché giocando ogni tre giorni stiamo accusando sia da un punto di vista fisico che mentale”.

Per l'ultima trasferta del 2020, l'Arezzo dovrà entrare in campo con la massima concentrazione e attenzione. La Vis Pesaro è squadra veloce e aggressiva, che attacca con 5 o 6 giocatori contemporaneamente e che, proprio per questo, lascerà per forza degli spazi e delle occasioni agli amaranto. La bravura sarà riuscire a sfruttarli con la cattiveria e il ciniscmo di chi deve per forza fare risultato e punti.

Giulio Cirinei
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno