Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:10 METEO:AREZZO10°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 26 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
«Viva la libertà, dannazione!»: Milei abbraccia Trump

Attualità lunedì 13 aprile 2020 ore 16:00

Cna,"Ripartenza o molti non riapriranno più"

Franca Binazzi, presidente Cna Arezzo

Criticato il decreto liquidità considerato complicato e di poco respiro per le imprese. Franca Binazzi chiede di rivedere i criteri per il riavvio



AREZZO — La presidente di Cna Arezzo, Franca Binazzi,  guarda con scetticismo alle disposizioni in favore delle imprese. Le critiche maggiori sono rivolte al decreto liquidità, considerato deludente. Binazzi ritiene che, a causa dei troppi ostacoli e del poco tempo tempo per il rimborso, le imprese non riescano a poter reperire la liquidità necessaria per far ripartire le attività. 

“Il fermo in queste condizioni le imprese non se lo possono più permettere, strette tra l’emergenza sanitaria e quella economica per il crollo del fatturato e della domanda. Si stabiliscano quindi - sostiene la presidente di Cna Arezzo - le massime condizioni di sicurezza ma si riparta in tempi brevi altrimenti molte aziende resteranno chiuse per sempre".

Binazzi sottolinea l'incongruenza che consente ad un professionista di continuare a lavorare nel proprio studio mentre un artigiano, pur essendo solo, non può fare altrettanto nel suo laboratorio.

Particolare attenzione, poi, è dedicata al tema riaperture che necessiterebbero di logiche attuative mirate e ben precise.
"La strada del riavvio richiede una roadmap per una riapertura ordinata ed in piena sicurezza, senza ricorrere ai codici Ateco, all’appartenenza alle filiere essenziali, alle deroghe specifiche. Il requisito diventa il rispetto delle misure precauzionali e, con il protocollo anticontagio, la ripresa non in ordine sparso ma con un piano operativo di aperture programmate in grado di condurre il sistema produttivo verso la piena ripresa dell’attività" - afferma Franca Binazzi.

Cna chiede un tavolo regionale nel quale stabilire, con lo stesso governatore della Toscana, Inail, servizi sanitari, associazioni di imprese e sindacati,  la gestione dell’operatività nel corso dell’emergenza evitando contrasti che vanifichino gli sforzi.

"L’obbiettivo è elaborare le linee guida della riaperture in sicurezza, definendo tempi e modalità, regole certe, sostenibili e attuabili. Serve garantire l’approvvigionamento dei dispositivi di protezione, con finanziamenti a fondo perduto per gli investimenti delle imprese".

Artigiani e piccole imprese fanno appello a tutti i soggetti, pubblici e privati, perché si faccia in fretta. 

"Mentre le nostre attività sono chiuse, la maggioranza delle aziende in Germania è aperta, come in Polonia ed Ungheria ed in generale sono a regime quelle degli altri paesi del nord Europa, mentre Austria e Danimarca interromperanno la serrata subito dopo Pasqua. Le nostre aziende - conclude la presidente Cna Arezzo, Franca Binazzi -  se non riapriranno in fretta, presto si troveranno a fare i conti con un mercato che nel frattempo si sarà riposizionato, con la difficoltà di recuperare spazi che altre imprese, di altri Paesi, avranno occupato”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno