Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:49 METEO:AREZZO14°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 14 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Dietro la «stanchezza» di Biden al G7

Cronaca martedì 15 giugno 2021 ore 12:10

Coingas, la discussione in aula si fa "bollente"

Oggi è stata la volta delle arringhe dei difensori nell'ambito dell'udienza preliminare. Gli argomenti portati dal legale del sindaco



AREZZO — Appuntamento in aula importante questa mattina in Tribunale ad Arezzo nell'ambito dell'udienza preliminare sul caso Coingas. E' stato il giorno delle arringhe dei difensori degli indagati e i riflettori erano puntati soprattutto sui legali del sindaco Alessandro Ghinelli, l'avvocato Luca Fanfani, e del presidente di Estra Francesco Macrì, l'avvocato D'Avirro.

"Nella discussione dell'udienza preliminare, per sua natura, si danno per scontato i fatti, così come li contesta l'accusa. E quindi non ci si mette a contestare il fatto in sè. Quello che oggi è stato fatto, invece, dalla difesa è contestare che i fatti così come rappresentati dall'accusa costituiscano reato, rilevino penalmente - ha spiegato l'avvocato Fanfani. Vi sono tutta una serie di sentenze che rappresentano che il fatto stesso che si sia pubblici ufficiali non significa che qualsiasi attività, commendevole o meno che si ponga in essere, costituisca abuso d'ufficio perché sia un atto contrario ai doveri d'ufficio. 

Quindi, per esempio ci sono diversi verdetti che mostrano che una cosa è l'atto contrario ai doveri d'ufficio, altra cosa è l'atto in occasione dell'ufficio, cioè una condotta, magari riprorevole, ma posta in essere non nell'esercizio della propria funzione. E' evidente che se fosse quest'altro caso, non sarebbe rilevante penalmente".

Intanto, già dalla sentenza sul rito abbreviato chiesto da Sergio Staderini, il personaggio chiave di tutta la vicenda si potrebbe evincere come sono state valutati questi argomenti portati oggi dai difensori. Non solo del sindaco, ma anche degli altri indagati. 

Il Procuratore Roberto Rossi ha chiesto il rinvio a giudizio per 11. Infatti, oltre a Staderini anche un altro indagato, l'avvocato Bigiarini, ha chiesto l'abbreviato. Il 22 giugno è attesa la decisione del Gup per questi due imputati, mentre per gli altri la "partita" sul processo o meno dovrebbe terminare a luglio.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno