Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:AREZZO12°28°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 14 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Lo speciale social di Cook dal Vinitaly

Politica venerdì 02 febbraio 2024 ore 18:29

​Consiglio Comunale, si alla variante urbanistica

Con questa variante al piano strutturale è consentito l’ampliamento degli spazi aziendali lavorativi di un’impresa. Le interrogazioni della seduta



AREZZO — La prima interrogazione è stata presentata dal consigliere comunale Donato Caporali sui lavori di scavo per l’installazione di un’antenna di telefonia mobile in via Sicilia. “Sembra che adesso si siano fermati ma soprattutto pare che sorgerà a 15 metri dalle abitazioni, senza che si possa rilevare conformità rispetto alle procedure attualmente in vigore che prevedono comunque la facoltà di intervenire nel procedimento per i portatori di interesse, cittadini in primis, che potrebbero subire il deprezzamento delle loro abitazioni o la godibilità del quartiere”.

Anche Michele Menchetti ha sollevato analoga questione: “il 25 gennaio 2024 sono cominciati i lavori senza che i residenti siano stati informati. Per la localizzazione delle stazioni base di telefonia mobile esiste un piano comunale che dovrebbe individuare aree idonee affinché l’esposizione ai campi elettromagnetici sia minima, specie in presenza di aree sensibili come strutture di tipo educativo. La scuola media Giorgio Vasari sorge ad esempio a 300 metri circa dalla struttura in questione”.

“La cosa più importante – ha replicato l’assessore Francesca Lucherini – è che mercoledì 7 febbraio verrà effettuato un sopralluogo, anche a seguito dei rilievi dei cittadini, per verificare la conformità del sedime del palo. Se tale conformità non venisse rilevata, i lavori verranno immediatamente bloccati e il procedimento ripartirà. Per quanto riguarda le verifiche sull’inquinamento elettromagnetico, la competenza al rilascio dell’autorizzazione spetta ad Arpat. Ci siamo inoltre impegnati a far sì che ove ci fossero antenne esistenti, un gestore deve utilizzarle preventivamente”.

“Sono trascorsi 18 mesi – ha interrogato Alessandro Caneschi – dall’annuncio della riqualificazione del laghetto del parco Pertini e ancora i lavori non sono stati realizzati. Verranno cominciati prima o poi”?

L’assessore Alessandro Casi: “stiamo portando avanti una progettazione condivisa con un’associazione del territorio e anche a seguito dell’ultimo incontro avvenuto la scorsa settimana stiamo definendo i dettagli della riqualificazione che prevede l’eliminazione del laghetto e la realizzazione di un’area verde che si integri con il parco. Obiettivo è ultimare i lavori per l’estate”.

Ancora Alessandro Caneschi ha chiesto al sindaco “se è intenzione procedere alla ripulitura di vaste aree del territorio, anche di pertinenza degli edifici, dove non sono garantite condizioni di igiene e decoro per la sicurezza pubblica. In un’area in località Sodaccio, ad esempio, sono stati avvistati cinghiali e un lupo e gli incidenti causati dall’attraversamento di animali selvatici risultano in aumento. Il Consiglio Comunale nel 2021 ha approvato un atto di indirizzo del Pd che rilevava la necessità di ordinanze del sindaco che obbligassero a ripulire fondi, terreni e proprietà. È intenzione dare seguito a questo dispositivo”?

Giovanni Donati ha posto l’attenzione sullo stato del canale della Marchionna dove il mancato deflusso delle acque genera allagamenti dei garage della zona. “Il consorzio di bonifica è competente per un altro corso che affluisce nel canale, mentre per la parte a monte di quest’ultimo la manutenzione spetta al Comune. Chiediamo se è programmato un intervento almeno su questo tratto”.

L’assessore Alessandro Casi: “sui 150 metri circa di competenza del Comune, abbiamo deciso di portare avanti direttamente alcuni lavori, come lo sfalcio dell’erba e la pulizia complessiva. Nel caso in cui rilevassimo la necessità di ulteriori opere, le programmeremo”.

Michele Menchetti ha chiesto di fare chiarezza sugli orari di raccolta del porta a porta a Rigutino dove “da quando è entrata in vigore la nuova articolazione, ogni martedì, nel primo mattino e all’ora di punta, viene svolto il servizio di raccolta di carta e plastica con un mezzo pesante che blocca letteralmente il traffico lungo la strada statale 71. Si può cambiare tale orario”?

L’assessore Marco Sacchetti: “il perché vengano utilizzati in questo caso mezzi pesanti, dipende dalla tipologia del contenitore. Siccome c’è stata la richiesta da parte dei cittadini di contenitori di conferimento più grandi, dobbiamo utilizzare questo genere di mezzi. Tutto ha una logica. Il disagio c’è, ne sono consapevole, possiamo riflettere su questo suggerimento, ma è una situazione analoga ai ritardi che possono essere causati da un autobus che fa salire o scendere i passeggeri”.

Giovanni Donati ha chiesto chiarimenti sui contributi concessi agli eventi organizzati da associazioni specie di dimensione territoriale. “Gli adempimenti burocratici sono aumentati e producono sempre maggiori difficoltà agli organizzatori che a volte sono costretti a rinunciare all’iniziativa. Quante e quali sono state nel 2023 le manifestazioni patrocinate e finanziate dall’assessorato allo sport e quali e quante negli ultimi tre anni dalla fondazione Arezzo InTour”?

L’assessore Federico Scapecchi: “nel 2023 le manifestazioni sportive che hanno beneficato della nostra attenzione sono state 101 per oltre 48.000 euro di contributi diretti e 41.000 indiretti: parlo di sport in termini generici perché i contributi comprendono tutte le discipline, dal calcio al podismo, dal ciclismo al taekwondo. I contributi sono in aumento anche in virtù del fatto che il periodo Covid ha ovviamente interrotto il flusso che adesso è ripreso a livelli superiori al periodo precedente alla pandemia. Quando inoltre pubblichiamo un bando non propriamente ‘sportivo’ ma destinato alle politiche giovanili, i relativi progetti contemplano, a volte, anche la promozione di attività sportive che dunque beneficano di ulteriori finanziamenti che dobbiamo ricomprendere nell’insieme complessivo di quelli che eroghiamo”.

L’assessore Simone Chierici: “la fondazione si occupa di turismo e incoming e in virtù di questa mission ha approvato un atto di indirizzo che ci guida nella nostra attività: la fondazione non va intesa come un bancomat ma come un organo che interviene secondo una logica ben precisa. Se una manifestazione sportiva diventa anche un ‘prodotto turistico’ possiamo dare il nostro contributo economico, altrimenti se resta sportiva sic et simpliciter se ne fa carico l’assessorato competente. Ecco il motivo per cui abbiamo diminuito il monte dei contributi nel triennio”.

Donato Caporali ha lamentato la mancanza di iscrizioni in molte scuole elementari che “da un lato produce problemi ad alcuni istituti nel costituire la prima classe e dall’altro genera in altri plessi classi sovradimensionate. Chiedo se è intenzione procedere di concerto con l’ufficio scolastico territoriale per sopperire a tali problematiche”.

Ancora Donato Caporali ha chiesto chiarimenti sulle celebrazioni dell’anno vasariano: “chiedo quali iniziative culturali e mostre e con quali risorse, Comune e Fondazione Guido d’Arezzo hanno in programma oltre al ritorno temporaneo della Chimera”.

Il sindaco Alessandro Ghinelli ha ricordato che l’anno vasariano “non si limiterà soltanto a una mostra su Vasari. Di questo anniversario ho avuto l'occasione di parlare già qualche anno fa con il sindaco di Firenze Dario Nardella anche in considerazione del ruolo importante che il nostro illustre cittadino ha avuto in quella città, incontrando il favore dello stesso sindaco di Firenze a un progetto culturale dedicato. Ho quindi provveduto a rafforzare un legame di partnership con la Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, che si qualifica come sponsor principale delle celebrazioni, e incaricato la Fondazione Guido d’Arezzo di tessere le fila per la programmazione degli eventi. La stessa fondazione ha quindi provveduto a istituire un comitato promotore di cui fanno parte la Biblioteca Città di Arezzo, Camera di Commercio, Diocesi di Arezzo Cortona e Sansepolcro, Direzione regionale dei musei della Toscana, Provincia di Arezzo, Fondazione Arezzo InTour, Ufficio scolastico territoriale, Fraternita dei Laici, Ministero della Cultura, Regione Toscana, Comune di Firenze, Congregazione camaldolese dell’Ordine di San Benedetto, Comuni di Cortona, Monte San Savino e Castiglion Fiorentino, Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, Gallerie degli Uffizi, Soprintendenza archivistica e bibliografica della Toscana, Soprintendenza delle provincie di Siena, Grosseto e Arezzo. Gli eventi che caratterizzeranno l'anno vasariano si svilupperanno intorno alle tre maggiori espressioni artistiche di Giorgio Vasari, ovvero la pittura, l’architettura e lo studio della storia dell’arte di cui, con ‘Le Vite’, ci ha lasciato il primo trattato. Tre indirizzi che faranno da filo conduttore a un progetto di musei diffusi: ad Arezzo, ad esempio, saranno coinvolti tutti i siti che raccolgono e ospitano opere di Vasari. Un programma per il quale, dal punto di vista scientifico sono stati coinvolti studiosi di grande prestigio a cominciare dalla professoressa Cristina Acidini e dal professor Carlo Sisi. E mi fa piacere annunciare in questa sede che, nonostante non sia stato firmato ancora alcun decreto ufficiale, il bronzo etrusco della Chimera tornerà temporaneamente ad Arezzo: lo farà nell’anno in cui coincidono le celebrazioni per i 450 anni dalla morte di Vasari e di Cosimo I, il granduca che proprio in considerazione dello studio del Vasari sull’opera, decise di portare la Chimera a Firenze”.

Esaurito il punto all’ordine del giorno dedicato alle interrogazioni, l’assemblea ha approvato la pratica urbanistica già illustrata dall’assessore Francesca Lucherini nella scorsa seduta e dibattuta prima del venir meno del numero legale in sede di votazione. La delibera ha ottenuto 18 voti favorevoli. Con questa variante al piano strutturale è consentito l’ampliamento, nel rispetto e nella salvaguardia della fascia di tutela fluviale riguardante il torrente Sellina, degli spazi aziendali lavorativi di un’impresa di consolidata tradizione nel tessuto produttivo e operante sui mercati nazionali e internazionali. Soluzione che potrebbe generare ricadute positive anche in termini occupazionali.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno