Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:36 METEO:AREZZO13°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 29 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Ecco i cani robot cinesi progettati per uccidere, il video sembra un film di fantascienza

Attualità giovedì 16 giugno 2022 ore 11:26

Dall'Ato disco verde al sistema "Zero Spreco"

L'assemblea dei 104 Comuni della Toscana del Sud ha deliberato il nuovo assetto impiantistico. Cherici "ribadito il no al mega forno"



AREZZO — Si è riunita ieri l’Assemblea dei 104 Comuni dell’Ambito Toscana Sud, presieduta dal sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli, per completare l’esame dell’importante delibera che definisce il nuovo assetto del sistema impiantistico necessario per la chiusura del ciclo rifiuti nelle tre provincie di Arezzo, Siena, Grosseto e nella Val di Cornia in provincia di Livorno. 

La proposta finale di delibera, presentata dal Consiglio Direttivo presieduto dalla sindaca di Civitella Paganico Alessandra Biondi dopo aver recepito le istanze rappresentate da alcuni sindaci nella precedente riunione, è stata approvata dall’Assemblea con il voto favorevole dell’88,5% dei presenti

E’ stato pertanto definito il nuovo assetto del sistema impiantistico di ATO Toscana Sud che rivede integralmente lo scenario posto a base della gara per la concessione del servizio nel 2010, quando si prevedeva che i nuovi impianti - un termovalorizzatore ed un biodigestore anaerobico - sarebbero stati realizzati dall’aggiudicatario della gara, vinta da SEI Toscana.

Nel nuovo assetto ora deliberato, che prende atto delle vicende sopravvenute dopo la gara, viene stabilito che la realizzazione e gestione degli impianti viene rimossa dal contratto di servizio con SEI, con cui viene stipulato un accordo conciliativo con la rinuncia ai contenziosi pendenti avanti al TAR in materia di impianti. 

Saranno invece le società controllate dai Comuni aretini e senesi a realizzare e gestire queste tipologie di nuovi impianti, in esecuzione di progetti già autorizzati dalla Regione, e in particolare:

- Aisa Impianti nel polo impiantistico di Arezzo, con una nuova Linea di termovalorizzazione di 75 mila tonnellate ed un Biodigestore anaerobico di 35 mila/t 

- Siena Ambiente nel polo impiantistico di Asciano, con un biodigestore anaerobico di 35 mila/t a cui aggiungere anche il nuovo biodigestore anaerobico previsto nell’impianto di Grosseto da Futura. 

E’ stato poi espresso un orientamento favorevole al progetto di Aisa Impianti di mantenere operativa l’attuale linea di termovalorizzazione di 45 mila/t, anche dopo l’avvio della nuova linea da 75 mila/t previsto per inizio 2024, destinandola prioritariamente al fabbisogno della provincia di Arezzo e, per le capacità residue salvo una quota marginale del 10%, al fabbisogno delle altre provincie di ATO Toscana Sud, previo suo adeguamento tecnologico per trattare anche le fonti energetiche da rifiuti quali il Combustibile Solido Secondario prodotto dall’impianto di Grosseto.

"Desidero esprimere a nome di tutto il gruppo Aisa Impianti Zero Spreco - commenta il presidente Giacomo Cherici - la grande soddisfazione per l’esito dell’Assemblea dei Sindaci dei 104 Comuni e che con una maggioranza di oltre l’80% degli aventi diritto ha fatto proprio il progetto Zero Spreco e decretato sia la fine dei contenziosi sia l’ipotesi che a San Zeno potesse essere realizzato un mega forno da 200 mila tonnellate.

Praticamente l’intera assemblea ha compreso l’importanza di alimentare i processi di riciclaggio dei rifiuti con gli scarti che essi generano e quanto sia importante recuperare ogni forma di energia possibile, dalla corrente elettrica al biometano, dal vapore che potrà teleriscaldare numerosi volumi artigianali, civili e industriali al sequestro di CO2. I processi di termovalorizzazione diventano sussidiari al recupero di materia ed energia.

Inizia oggi una nuova fase, quella dello Zero Spreco. Un modello industriale unico per la sua organizzazione e con reparti tra loro comunicanti che impedisce la migrazione dei rifiuti e il trasporto degli scarti verso impianti lontani e discariche".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno