Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:32 METEO:AREZZO18°36°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 12 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Caccia ai taxi: la coda (impressionante) di passeggeri in attesa all'aeroporto di Linate
Caccia ai taxi: la coda (impressionante) di passeggeri in attesa all'aeroporto di Linate

Attualità mercoledì 22 aprile 2020 ore 21:25

"Dateci le regole che a ripartire ci pensiamo noi"

Antonio Capone, direttore generale Confindustria Arezzo

Il direttore generale di Confindustria lancia un appello alle Istituzioni affinché vengano finalmente stabiliti i criteri di sicurezza per le imprese



AREZZO — Ospite della conferenza stampa del sindaco è il direttore generale di Confindustria dell'area vasta Arezzo, Siena e Grosseto.

Antonio Capone sottolinea come il tessuto produttivo aretino necessiti di certezze. Questo "stop and go", palleggiato tra Governo e Regione, sulle riaperture e soprattutto sui criteri da adottare sta creando serie difficoltà alle imprese. Il nodo, infatti, è rappresentato dalla mancanza di norme chiare e precise inerenti il tipo di organizzazione che deve essere adottata per garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro e le attività che possono riprendere la produzione.

Se per chiudere sono bastate 48 ore, questo non può andar bene per le riaperture. Infatti molte imprese devono programmare con attenzione la ripresa delle attività. Pensiamo solo al settore orafo, dove la preparazione riveste un ruolo fondamentale della produzione stessa.

"Ci siamo resi conto che con i criteri di contenimento del virus ci dovremmo convivere a lungo ma occorre che vengano definiti, una volta per tutte, i criteri di sicurezza per i posti di lavoro". Questo in sintesi il pensiero ma è soprattutto l'appello che il direttore generale di Confindustria rivolge alle Istituzioni.

Antonio Capone è certo che gran parte del tessuto produttivo aretino sia in grado di adattarsi al nuovo modo di operare perché negli ultimi anni le fabbriche, i laboratori hanno adottato protocolli di sicurezza elevati e qualche vincolo in più non può fermare l'industria aretina.

Insomma, "Voi dateci le regole che a lavorare e ripartire siamo capaci da noi".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno