Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:00 METEO:AREZZO10°22°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 23 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Trento, fischi e striscioni degli ambientalisti contro Salvini. Il ministro: «Voi volete le auto elettriche prodotte in Cina dove bruciano il carbone»

Attualità giovedì 09 febbraio 2023 ore 21:00

No dei fornai aretini al pane con farina di grilli

Netta la contrarietà del presidente dei panificatori Ciardi, "difendiamo le eccellenze enogastronomiche e le nostre imprese"



AREZZO — “Farina di grano, acqua e lievito: per fortuna questi sono gli unici ingredienti ammessi per legge nel protocollo del pane toscano, che esclude quindi la possibilità di usare polvere di insetti. Ma noi non vogliamo che sia ammessa per nessun tipo di pane artigianale e di prodotto da forno”. Il presidente dei panificatori aretini di Assipan-Confcommercio Luca Ciardi afferma così la netta contrarietà della categoria ad utilizzare la polvere di Acheta Domesticus (grillo domestico).

Questa possibilità è stata introdotta dal Regolamento di esecuzione 2023/5 della Commissione Europea. “Comprendiamo le difficoltà alimentari di tanti Paesi del mondo, che costringono ad una evoluzione della gastronomia – prosegue - ma non siamo disposti a sacrificare la nostra storia, né a rinunciare ai sapori della tradizione”.

“Dobbiamo tutelare il buon pane fresco artigianale italiano. Finora la legge ci ha dato una mano, stabilendo con l’articolo 14 della legge 4 luglio 1967 n. 580 che il pane debba essere prodotto esclusivamente con sfarinati di grano, acqua e lievito con o senza aggiunta di sale comune – spiega Ciardi - Il regolamento di cui al D.P.R. 502/1998 consente l’aggiunta di ulteriori ingredienti, ma vanno tutti menzionati nell’etichetta, in modo che il consumatore finale possa esserne consapevole. Quindi, se qualcuno dovesse utilizzare lo sfarinato di Acheta domesticus, dovrà dichiararlo nell’etichetta”.

Ma il punto è un altro per il presidente provinciale di Assipan Confcommercio: “Aldilà delle normative, siamo stanchi di questi continui attacchi alle eccellenze gastronomiche italiane, messi in atto da potenze economiche che evidentemente avrebbero tutto da guadagnarci. Noi vogliamo difendere il buon pane fresco e i prodotti da forno artigianali, anche perché c’è in gioco la sopravvivenza di migliaia d’imprese della filiera alimentare nazionale” chiosa Ciardi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno