Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:AREZZO10°24°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 18 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità martedì 01 novembre 2016 ore 08:30

Didattica e pedagogia, incontro con le famiglie

Maurizio Parodi

Una giornata di riflessione e di approfondimento sulla scuola insieme al dirigente scolastico e pedagogo Maurizio Parodi



AREZZO — Una giornata di riflessione e di approfondimento sulla scuola insieme ad uno dei suoi personaggi più in vista. Sabato 5 novembre, il dirigente scolastico e pedagogo Maurizio Parodi farà tappa per la prima volta ad Arezzo come relatore dell'incontro "Disintegrazione scolastica. Come fronteggiarla?", organizzato dall'associazione Per Talea Onlus che riunisce i genitori adottivi e affidatari aretini. L'appuntamento, gratuito e aperto a tutta la cittadinanza, si terrà dalle 16 alle 19 alla Casa Dritta di via Garibaldi 15.

L'incontro affronterà varie tematiche inerenti alla didattica e alla pedagogia, partendo dalle tesi racchiuse nel libro "Basta compiti!" di Parodi e dall'omonima petizione che, lanciata su change.org, ha già superato la quota di ventimila firmatari. Questa campagna indaga sul senso e sull'utilità dei compiti a casa, spiegando come questi siano uno strumento che non aiuta l'apprendimento ma che, al contrario, lo intralcia con conseguenze negative: tali teorie hanno ormai raggiunto rilevanza nazionale e sono diventate un pretesto per verificare il sistema scolastico, analizzandolo dalla parte dei bisogni e della crescita degli alunni. 

«La nostra associazione si è voluta interrogare sul mondo della scuola - spiega Luca Raffaelli di Per Talea Onlus, - e su come migliorarne la didattica per renderla veramente funzionale e adeguata alle esigenze degli alunni. Il seminario parte da una critica alla disintegrazione scolastica, cioè i processi che impediscono la reale integrazione degli studenti, e si propone di progettare strategie innovative per fronteggiarla rendendo la scuola veramente per tutti».

Nel corso del pomeriggio, Parodi illustrerà i motivi per cui interrompere la pratica dei compiti nella scuola dell'obbligo, spiegando le sue teorie attraverso fondamenti didattici, familiari e formativi. Questa opposizione viene poi orientata in senso costruttivo verso un cambiamento della didattica, con i docenti che non dovrebbero limitarsi a spiegare e a delegare lo studio a casa, ma che dovrebbero farsi promotori di nuove metodologie che favoriscano le capacità di apprendimento di ogni singolo alunno. «Siamo consapevoli che le teorie di Parodi potranno dividere e far discutere - spiega Nicoletta Caprara, vicepresidente di Per Talea Onlus, - ma la nostra intenzione è di interrogarci su una didattica che metta al centro l'alunno e che sia realmente utile per la sua crescita, dunque invitiamo a questo incontro tutti coloro che sono impegnati in ambito educativo, dai genitori ai docenti».


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno