Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:27 METEO:AREZZO12°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 24 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Nave da crociera in fase di ormeggio finisce contro la banchina in Turchia

Attualità domenica 26 marzo 2017 ore 11:22

Dipendenze, oltre mille aretini in cura al Ser.d

Tutti i numeri delle dipendenze in un convegno che si è tenuto alla Borsa Merci. Beccattini: “Seguiamo circa 1000 tossicodipendenti e 300 alcolisti”



AREZZO — Oggi i giovani non consumano un solo tipo di droga, ma sostanze stupefacenti di diversi tipi e in maggiori quantità rispetto al passato. È quanto emerge dal convegno sulle dipendenze giovanili promosso dal Rotary Club aretino alla Borsa Merci di Arezzo.

“In città seguiamo circa 1000 tossicodipendenti e 300 alcolisti - ha spiegato il direttore del Serd di Arezzo Marco Beccattini - Con droga e alcool si inizia quasi sempre nell’adolescenza per soffocare lo stato di angoscia tipico dell’età e per sentirsi all’altezza del gruppo.”

"Spesso anche negli ambulatori privati giungono adolescenti che chiedono aiuto per vari motivi - ha spiegato la psicoterapeuta Guendalina Rossi - I giovani riferiscono di bere e di utilizzare sostanze stupefacenti, ma non ne parlano come un problema.”

Circa la metà degli studenti toscani tra i 14 e i 19 anni hanno abusato di alcool nel corso dell'ultimo anno e circa un terzo di loro ha assunto almeno una sostanza stupefacente. Questi i dati che emergono da uno studio della regione Toscana (Studio Espid).

Il neurologo Giovanni Linoli ha spiegato che gli effetti neurotossici da alcool e droghe presentano spesso danni a organi diversi. “ Ad esempio la cocaina, oltre agli effetti sul sistema nervoso, può provocare infarto acuto del miocardio o alterazioni del ritmo cardiaco, causa di morte improvvisa in soggetti giovani. Per avere degli effetti negativi sul sistema nervoso, causati da sostanze stupefacenti, può bastare un’ assunzione del tutto occasionale.”

“Attraverso un particolare esame del cervello - ha spiegato Giulia Montelatici (medicina nucleare) - è possibile esaminare le immagini ecomprendere i meccanismi di funzionamento delle droghe fino ai danni e alle alterazioni che provocano.”

Soddisfatto il presidente del Rotary club Roberto Giotti, che grazie alla collaborazione con la Asl Toscana sud est, le scuole aretine, il Calcit, Federfarma e la Fondazione Cesalpino ha permesso di affrontare il tema caldo delle dipendenze nel territorio aretino.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno