Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:AREZZO10°25°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 26 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Benigni a Papa Francesco: «Andiamo insieme alle prossime elezioni, facciamo il campo largo. Vinciamo subito»

Attualità venerdì 15 marzo 2024 ore 19:30

Disturbi alimentari, ​500 ragazzi a confronto

Molte le iniziative in provincia. Ad Arezzo la giornata del Fiocchetto Lilla si è conclusa con un flashmob degli studenti



AREZZO — Un impegno congiunto sul territorio per sensibilizzare sui disturbi del comportamento alimentare. "Oltre lo specchio, amarsi dentro" è lo slogan rilanciato da Asl Toscana Sud Est in occasione della tredicesima edizione della Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla che, al campus universitario del Pionta, stamani, ha trovato il proprio cuore in un incontro con gli studenti delle scuole superiori per informare, prevenire e indicare percorsi di sostegno relativi alle più comuni patologie correlate alla nutrizione.

Alla mattinata di Arezzo hanno partecipato oltre 200 studenti aderenti al Contest per la consapevolezza sulla salute mentale (iniziativa a cui lavorano Università di Siena, Asl e Ufficio scolastico provinciale) e studenti di Scienze dell’educazione e formazione (cattedre di Psicologia Clinica e dello sviluppo della professoressa Laura Occhini).

E’ stata una mattinata di confronto in cui gli studenti hanno letto brani (supportati da Lav- associazione lettori ad Alta Voce ) e posto domande ad esperti di disturbi alimentari della Asl Tse e del Centro Auryn – Istituto Agazzi.

«La Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla - spiega la dottoressa Sara Badii, responsabile del centro Auryn - fornisce un'occasione privilegiata per fare rete e per parlare di disturbi alimentari: conoscere è, infatti, il primo passo per capire, per chiedere aiuto e per prendersi cura delle sofferenze proprie e degli altri».

L'incontro ha permesso di condividere con gli studenti i vari aspetti dei disturbi alimentari e spiegare come si manifestano da un punto di vista clinico e psicologico, indicando le modalità per chiedere aiuto e per riceverlo attraverso percorsi multidisciplinari. Anoressia, bulimia e disturbo da alimentazione incontrollata sono le principali manifestazioni di una problematica che emerge in età sempre più precoce, a partire anche dalla scuola primaria, e che in Italia colpisce oltre tre milioni di persone all'anno (di cui il 70% adolescenti), con una crescita dell'incidenza anche nella popolazione maschile. Trend confermato anche nella provincia di Arezzo. «Momenti come quello di oggi- aggiunge la dottoressa Susanna Giaccherini, direttrice UOC Psicologia Arezzo - sono fondamentali per richiamare l’attenzione e fornire informazione sui disturbi alimentari, ma anche per valorizzare una rete sociale e una comunità competente a promuovere salute, che sia a conoscenza dei percorsi attraverso sui si può richiedere aiuto e accedere alla cura. Un grazie speciale va ai ragazzi, al personale e a Luciano Tagliaferri, dirigente del Liceo artistico coreutico Piero della Francesca che, anche quest’anno, hanno animato l’iniziativa con l’energia del loro flashmob».

In provincia

Sono 500 gli studenti che in tutta la provincia hanno partecipato alle numerose iniziative promosse in occasione della Giornata del Fiocchetto Lilla nella provincia di Arezzo.

In Casentino gli studenti dell’ISIS Enrico Fermi di Bibbiena, stimolati dalla lettura e testimonianza di storie di vita di persone che hanno sofferto di disturbi alimentari, hanno dato voce alle loro domande e con la possibilità ci confrontarsi con gli esperti.

In Valdarno ai Licei Giovanni da San Giovanni, si è tenuto un incontro di formazione per tutor impegnati nel progetto di peer education.

Gli studenti del laboratorio di teatro, tutor delle classi IV e V, hanno dato voce alle letture.

In Valtiberina, in un’iniziativa congiunta con il Comune di Sansepolcro, gli studenti del Liceo della Comunicazione San Bartolomeo di Sansepolcro , hanno lavorato sull’impatto dei social e la percezione corporea in un confronto attivo con gli operatori

In Valdichiana Aretina è stato allestito uno stand informativo alla Casa della Salute di Castiglion Fiorentino, colorato dal lilla dei fiocchetti realizzati nell’ambito del Progetto VIVA (Dopo di Noi, progetto di vita indipendente in Valdichiana) e arricchito dalla creatività degli studenti dell'Istituto Signorelli di Cortona.

Si ringraziano tutti comuni che hanno aderito all’iniziativa illuminando di lilla un edificio pubblico: Comune di Arezzo, Comune di Chiusi della Verna, Comune di Marciano, Comune di Terranuova.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno