Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:39 METEO:AREZZO19°37°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 16 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Trump e quel «Combattete!»: il momento che cambia la campagna elettorale per tutti
Trump e quel «Combattete!»: il momento che cambia la campagna elettorale per tutti

Attualità mercoledì 16 dicembre 2020 ore 10:25

Donazione alla Caritas invece della cena aziendale

Iniziativa della Chimera Onoranze Funebri. Quanto preventivato per l'evento, che salta a causa del Covid, viene devoluto ai bisognosi



AREZZO — Salta la cena aziendale di Natale e quanto risparmiato viene destinato ai bisognosi. 

L’iniziativa è della Chimera Onoranze Funebri che ha scelto di donare alla Caritas Diocesana di Arezzo-Cortona-Sansepolcro l’intera somma messa a bilancio per il tradizionale evento conviviale di scambio degli auguri, come segno di ringraziamento e di stima per il prezioso servizio svolto in città anche nel corso dell’attuale emergenza sanitaria.

Le festività natalizie della storica agenzia funebre cittadina erano caratterizzate dall’organizzazione di una cena che configurava una serata di ritrovo e di convivialità rivolta a dipendenti, collaboratori e fornitori di ieri e di oggi, ma il Covid19 ha impedito di vivere questo partecipato momento. 

L’importo per l’evento era già stato preventivato e accantonato, dunque la scelta dei tre titolari Luigi Lapi, Alessio Lorini e Mario Lorini è stata di utilizzarlo per un’iniziativa solidale in favore di una realtà che, da sempre, è impegnata al fianco dei più deboli e che nell’ultimo anno è stata chiamata ad uno sforzo eccezionale per far fronte anche alle nuove problematiche. La Cof, già attiva in passato in numerose iniziative solidali sul territorio cittadino, ha così deciso di garantire un piccolo sostegno ai servizi quotidiani della Caritas e ha consegnato il proprio contributo economico al codirettore don Alessandro Nelli

"Con senso di responsabilità - commentano i titolari - avevamo già da tempo deciso di annullare la cena di Natale per evitare la diffusione del contagio, ma allo stesso tempo avevamo accantonato il budget necessario per vivere quell’evento. Da oltre vent’anni siamo impegnati in città e ci è sembrato doveroso restituire qualcosa alla stessa città in un periodo tradizionalmente di festa come quello del Natale: l’idea, dunque, è stata di pensare agli altri e di devolvere quanto risparmiato ad una realtà che è in prima linea al fianco di chi è in difficoltà e che ogni giorno presta assistenza e conforto con i suoi servizi".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno